Ecco il vino italiano che ha stregato Obama e Trudeau

Loading the player...
26 luglio 2017

Eccolo qua il vino green che ha scelto Barack Obama. Il Cartacanta Montecucco dell’Azienda Basile. Un rosso toscano di qualità, tutto italiano. Un esempio di Made in Italy biologico che ha conquistato il mondo: l’ex capo della Casa Bianca e il primo ministro canadese Justin Trudeau lo hanno voluto sulla loro tavola cenando insieme al Liverpool House di Montreal. Due grandi personalità e un Sangiovese prodotto dalle stesse cantine che nel 2016 si sono aggiudicate tre bicchieri del Gambero rosso con Ad Agio Riserva D.o.c.g., ossia il top di gamma.

Leggi anche:
Inchiesta rinnovabili, sospese concessioni in Sicilia

Ma è stato il Cartacanta ad attirare l’attenzione di Obama e Trudeau sul menù: con il suo nome un po’ strano, con il suo rosso corposo e il suo sapore intenso, ha trascinato idealmente i due leader, che parlavano di ambiente, fra queste vigne da sogno. In Maremma dove Giovan Battista Basile, con la moglie Ilaria e i due figli vive e produce: “Per me è stato un onore ed è stato emozionante che questi due grandi leader Obama e Trudeau abbiano avuto sulla loro tavola il mio vino biologico. Un vino fatto da una piccola cantina. Da un territorio poco conosciuto ma estremamente legato all’ambiente, di cui queste due persone avranno sicuramente parlato nel loro incontro”.

Leggi anche:
Mafia, chiesti 12 anni di carcere per il "re dell'eolico" Nicastri

Il produttore nel 1999 comprò questo podere in stato di abbandono. Oggi può dire non solo di aver vinto la sua scommessa, con 8 ettari di vigne e 50 mila bottiglie. Ma anche di non aver mai tradito i propri ideali: “Lo spirito che ci accompagna nel rispetto della natura, ci fa anche produrre energia pulita, grazie all’impianto fotovoltaico che vedete alle nostre spalle. E ci permette di essere autosufficienti e addirittura di produrre più energia di quanta ne abbiamo bisogno, per compensare quel poco di inquinamento che facciamo con i nostri trattori”.

Leggi anche:
Riforma della Curia, verso un superdicastero missionario

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti