Musica: 25 novembre “Contemporaneo”, Ivano Fossati e la sua storia

Musica: 25 novembre “Contemporaneo”, Ivano Fossati e la sua storia
16 novembre 2016

La musica e la storia di Ivano Fossati racchiuse in un box esclusivo contenente 8 registrazioni inedite, 2 rarita’ e tutti i suoi piu’ grandi successi. Il 25 novembre esce “Contemporaneo” (Sony Music Italy), un cofanetto per ripercorrere la carriera artistica e non solo di uno dei piu’ grandi cantautori del panorama musicale italiano. Il box sara’ disponibile nei negozi tradizionali e negli store digitali in due versioni: la Deluxe e la Standard. La prima e’ fatta di un box da 10 cd, contenente 8 registrazioni inedite e 2 rarita’: “Il suono della voce”, “Idealista”, “Quelli siamo noi”, “La lingua del santo”, “Ho visto Nina volare”, “A cavallo della tigre”, “Pianissimo”, “Settembre”, “Vola”, “Dolce acqua”. Il box e’ impreziosito da un libro di 200 pagine contenente materiale fotografico inedito ed una lunghissima ed esclusiva intervista a Ivano Fossati, realizzata da Massimo Bernardini, dove si ripercorre anno per anno la carriera del cantautore.

La versione Standard conta 4 cd con esclusivo booklet, arricchito da materiale fotografico e dai commenti di Fossati alle registrazioni inedite “Il suono della voce”, “Idealista”, “Quelli siamo noi”, “A cavallo della tigre”. Dal 2 dicembre, inoltre, sara’ disponibile una speciale edizione vinile della versione standard, un box contenente 8 vinili. “Mi piace il blues, forse piu’ di ogni altro genere di musica – dichiara Ivano Fossati in merito alle registrazioni inedite – Soprattutto il blues delle origini: Blind Lemon Jefferson, Robert Johnson e altri ancora, come Sonny Boy Williamson II. Nonostante questo ho composto canzoni come “La costruzione di un amore”, “Non sono una signora” e “Una notte in Italia”. Se avessi provato a scrivere dei blues chi li avrebbe cantati? Uno deve fare i conti col posto in cui e’ nato, dove la gente ha il proprio gusto e una tradizione tutta sua, anche quando si tratta di canzoni. A dire il vero qui da noi la tradizione si e’ persa per strada: il gusto corrente e’ un insieme di contraddizioni, comprende l’amore cieco e distratto per la musica di importazione e un sentimento vagamente retrogrado che imparenta spesso le nostre canzoni piu’ con il pop latino-americano che con le espressioni internazionali avanzate. Eppure in quel sentimento nazionale, che pure cosi’ spesso appare superato e perennemente in ritardo, occorre immergersi e cercare le chiavi per imparare a leggerlo. Dopo, come in una ricetta di cucina, bisogna filtrare tutto attraverso le proprie aspirazioni, intuizioni, capacita’ e ricordarsi di farlo praticamente ogni giorno per tutta la vita. Per quanto riguarda il blues ho cercato di lasciarne trasparire un po’ in molte canzoni, appena un velo, un tocco leggero. Qualcuno se ne accorge, la maggioranza del pubblico credo di no, ma io tutt’ora mi ci diverto parecchio”.

Leggi anche:
Festa a Milano, oltre 50mila per "Radio Italia live-il concerto"

 

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti