Accoltella due persone per le vie di Londra, la polizia lo uccide. “Atto di terrorismo”

2 febbraio 2020

Un uomo è stato ucciso dalla polizia a colpi d’arma da fuoco, nel Sud di Londra, a Streatham, in Gran Bretagna, dopo che aveva accoltellato due persone. La polizia ha parlato di “atto di terrorismo”. L’uomo indossava qualcosa di simile a un gilet-bomba, forse falso. Scotland Yard ha sapere che “tre persone sono state ferite, una persona è in ospedale in condizioni di pericolo di vita. Stiamo informando la loro famiglia”. Alcuni testimoni riferiscono che l’aggressore aveva un machete. La polizia inglese ha confermato la morte dell’attentatore. “Possiamo confermare – scrive la polizia in un tweet – che l’uomo colpito dalla polizia intorno alle 14 di oggi a #Streatham High Road è stato dichiarato morto”.

L’aggressore “si è procurato il coltello in uno dei negozi della strada principale e ha accoltellato un uomo e una donna”, ha riferito Sky News, citando la testimonianza del proprietario di un negozio. Circolano diversi video su twitter postati da testimoni che hanno assistito all’attacco. Nei video si vedono persone a terra, assistite da altri passanti, e la polizia che apre il fuoco contro l’autore dell’attacco. Nella zona un grande dispiegamento di mezzi della polizia e ambulanze. Lo stesso era capitato a fine 2019, quando l’ex detenuto jihadista Usman Khan – indossando un giubbotto esplosivo poi rivelatosi finto – aveva compiuto un attacco nell’area di London Bridge uccidendo due giovani. Anche Khan, come l’aggressore di oggi, era stato poi ucciso dalla polizia. “Grazie a tutti i servizi di emergenza che hanno risposto al fatto di Streatham, che la polizia ha ora dichiarato legato al terrorismo. I miei pensieri sono con i feriti e tutte le persone colpite”. È il tweet del premier britannico, Boris Johnson, sull’accoltellamento avvenuto a Londra.

Leggi anche:
"Those About to Die", su Prime Video la serie sull'antica Roma
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti