Angelina Jolie in Pakistan: cambiamento clima è reale ed è qui

Angelina Jolie in Pakistan: cambiamento clima è reale ed è qui
22 settembre 2022

“Penso che questo sia un vero campanello d’allarme per il mondo su a che punto siamo, il cambiamento climatico non è solo reale e non solo sta arrivando, ma è davvero qui”. Lo ha detto l’attrice Angelina Jolie in visita in Pakistan nelle regioni colpite da alluvioni violente che hanno provocato oltre 1.500 morti fra cui 550 bambini secondo l’Unicef. “Ora vediamo che i paesi che causano meno danni all’ambiente subiscono le conseguenze peggiori del disastro, dolore e della morte”, ha aggiunto l’attrice.

L’attrice e attivista si trova attualmente a Dadu, nella provincia del Sindh. Visiterà i centri operativi dell’Irc e di altre organizzazioni e incontrerà residenti locali per comprendere le esigenze delle comunità in situazioni di emergenza. L’Irc dall’inizio di luglio ha raggiunto quasi 950 mila persone nelle province di Belucistan, Khyber Pakhtunkhwa e Sindh con forniture di emergenza, cibo, assistenza sanitaria e spazi sicuri. Tra l’altro, ha fornito a più di 50 mila donne e ragazze prodotti per l’igiene mestruale. Circa un terzo del Paese e 33 milioni di pachistani sono stati interessanti dalle alluvioni. Jolie ha già visitato il Pakistan nel 2010, anche in quel caso in seguito a inondazioni, e nel 2005, dopo il terremoto.

“La crisi climatica sta distruggendo vite e futuro in Pakistan, con gravi conseguenze soprattutto per donne e bambini. La perdita economica risultante da queste inondazioni porterà probabilmente all’insicurezza alimentare e all’aumento della violenza contro donne e ragazze. Abbiamo bisogno di sostegno immediato per raggiungere le persone che ne hanno urgente bisogno e di investimenti a lungo termine per impedire che il cambiamento climatico distrugga il nostro futuro collettivo. Con più piogge previste nei prossimi mesi, speriamo che la visita di Angelina Jolie aiuti il mondo a svegliarsi e ad agire”, ha dichiarato Shabnam Baloch, direttore di Irc in Pakistan.

Leggi anche:
Lacrime e commozione, a Londra l'addio al tennis di Federer

“Sono qui come amica del Pakistan, ho relazioni amichevoli e tornerò ancora. Il mio cuore è con le persone che stanno soffrendo” ha dichiarato Angelina Jolie chiedendo un aumento degli aiuti umanitari dopo le recenti inondazioni che hanno devastato il Paese. “Non ho mai visto niente di simile e sono assolutamente con voi nel chiedere alla comunità internazionale a fare di più”, ha continuato Jolie. La statunitense si è detta preoccupata anche per i bambini malnutriti e per le migliaia di persone che vivono all’aperto e dovranno affrontare l’inverno. Il bilancio delle piogge monsoniche di quest’anno e le successive inondazioni hanno raggiunto oltre 33 milioni di persone in Pakistan, ucciso 1.576 persone e ferito altre 12.862.

Durante la visita al Centro nazionale di risposta alle inondazioni (NFRCC) di Dadu, la Jolie, 47 anni, che indossava l’hijab, ha dichiarato di non aver mai visto un disastro come quello che si è verificato in Pakistan. “Molte volte sono venuta qui per la generosità che il popolo pakistano ha dimostrato negli anni nei confronti del popolo afghano come Paese che ospita la miseria dei rifugiati afghani”, ha dichiarato. La Jolie è arrivata in Pakistan martedì (20 settembre) per aiutare i residenti colpiti dalle devastanti inondazioni del Paese e visitare diverse aree colpite.

La famosa attrice hollywoodiana ha avvertito che il disastro dell’alluvione in Pakistan è un vero e proprio avvertimento al mondo che il cambiamento climatico non solo è reale e non solo sta arrivando, ma i suoi impatti si verificheranno sempre più spesso in tutto il mondo. “Ora ci troviamo in una situazione come questa, in cui il bisogno di assistenza umanitaria è enorme”, ha detto la Jolie, aggiungendo di aver visto le persone nelle aree colpite dalle inondazioni in una situazione in cui avevano bisogno di aiuto immediato, per evitare ulteriori morti a causa del disastro.

Leggi anche:
Lacrime e commozione, a Londra l'addio al tennis di Federer
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti