Assange patteggia con giustizia Usa, è libero

Assange patteggia con giustizia Usa, è libero
Julian Assange
25 giugno 2024

Julian Assange è “libero” e ha lasciato il Regno Unito in aereo dopo avere negoziato un accordo di patteggiamento con il sistema giudiziario americano che chiedeva la sua estradizione: lo ha annunciato la sua organizzazione, WikiLeaks. Perseguito per avere reso pubblici centinaia di migliaia di documenti riservati, Assange dovrà comparire mercoledì alle 9 ora locale davanti al tribunale federale delle Isole Marianne, un territorio del Pacifico degli Stati Uniti, secondo gli atti giudiziari resi pubblici questa notte.

“Julian Assange è libero” e ha lasciato il Regno Unito e il carcere di massima sicurezza vicino Londra dove era detenuto dal 2019, per salire su un aereo privato all’aeroporto di Stansted, ha riferito WikiLeaks, accogliendo con favore la possibilità di ricongiungersi con sua moglie Stella. “Questo è il risultato di una campagna globale che ha coinvolto organizzatori di base, attivisti per la libertà di stampa, legislatori e leader di tutto lo spettro politico, fino alle Nazioni Unite. Ciò ha creato lo spazio per un lungo periodo di negoziati con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha portato a un accordo che non è stato ancora formalmente finalizzato. Forniremo maggiori informazioni il prima possibile”, ha riferito Wikileaks.

L’organizzazione ha poi diffuso un video di 13 secondi in cui si vede Assange salire le scale dell’aereo, atteso a Bangkok intorno alle 11:50 (le 6:50 del mattino in Italia). Dovrà poi decollare nuovamente per Saipan, nelle Isole Marianne, intorno alle 21:00 (16 italiane), ha detto all’AFP un funzionario tailandese in condizione di anonimato. Perseguito per “associazione a delinquere finalizzata all’ottenimento e alla divulgazione di informazioni relative alla difesa nazionale”, Julian Assange dovrebbe dichiararsi colpevole solo di questa accusa, secondo gli atti giudiziari resi pubblici, che citano anche il suo complice, il soldato americano Chelsea Manning. Assange dovrebbe essere condannato a 62 mesi di carcere, già scontati a Londra, cosa che gli permetterebbe di tornare libero nella natia Australia.

Leggi anche:
Russia, giornalista del WSJ condannato a 16 anni di carcere

“Julian è libero!!!”, ha esultato la moglie Stella, esprimendo “immensa gratitudine” a coloro che si sono mobilitati “per anni” affinché la sua liberazione diventasse “una realtà”. “Sono grato che il calvario di mio figlio stia finalmente giungendo al termine. Ciò dimostra l`importanza e il potere della diplomazia silenziosa”, ha detto sua madre, Christine Assange, in una dichiarazione rilasciata ai media australiani. “Molti hanno sfruttato la situazione di mio figlio per promuovere la propria causa. Quindi sono grata alle persone invisibili e laboriose che hanno messo al primo posto il benessere di Julian”, ha aggiunto.

Anche il governo australiano ha commentato questo risultato, affermando che il caso Assange “si è trascinato troppo a lungo”. Questo accordo pone fine ad una vicenda durata quasi 14 anni. Ciò è avvenuto mentre la giustizia britannica avrebbe dovuto esaminare, il 9 e 10 luglio, un appello di Julian Assange contro la sua estradizione negli Stati Uniti, approvato dal governo del Regno Unito nel giugno 2022. Assange si batteva per non essere consegnato alla giustizia americana, che lo perseguiva per aver reso pubblici dal 2010 più di 700.000 documenti riservati sulle attività militari e diplomatiche americane, in particolare in Iraq e Afghanistan.

Tra questi documenti figura un video che mostra civili, tra cui due giornalisti dell’agenzia Reuters, uccisi dal fuoco di un elicottero da combattimento americano in Iraq nel luglio 2007. Preso di mira da 18 accuse, avrebbe teoricamente rischiato fino a 175 anni di prigione ai sensi della legge sullo spionaggio. Il fondatore di WikiLeaks è stato arrestato dalla polizia britannica nell’aprile 2019 dopo aver trascorso sette anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, per evitare l’estradizione in Svezia nell’ambito di un’indagine per stupro, archiviata lo stesso anno. Da allora, sono aumentate le richieste affinché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ritirasse le accuse contro di lui. L’Australia ha presentato una richiesta ufficiale in tal senso a febbraio, che Joe Biden ha detto di stare esaminando, suscitando speranza tra i suoi sostenitori.

Leggi anche:
Russia, giornalista del WSJ condannato a 16 anni di carcere
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti