Audizioni Borsellino, Csm toglie il segreto agli atti del 31 luglio ’92

20 luglio 2022

E’ stato tolto il segreto ai verbali delle audizioni condotte il 31 luglio 1992. Questa la decisione del Consiglio superiore della magistratura, in occasione dei 30 anni delle stragi di Capaci e Via d’Amelio, rispetto alle audizioni dei magistrati della procura di Palermo, del procuratore generale e dell’avvocato generale fatte nei giorni 28, 29, 30 e 31 luglio 1992 dal `Gruppo di lavoro per gli interventi del Csm relativi alle zone più colpite dalla criminalità organizzata´. Il plenum di Palazzo dei Marescialli, in particolare, ha approvato a maggioranza una delibera del comitato di presidenza.
Inoltre è stata decisa la pubblicazione sul portale web del Csm dei documenti in questione.

“Il Comitato ritiene opportuno disporsi la desecretazione anche delle audizioni svolte nel giorno 31 luglio 1992, e la pubblicazione di tutti i verbali – ha detto, presentando la delibera al plenum il vicepresidente del Csm, David Ermini – considerando che la pubblicazione di tali atti sia utile ed opportuna per completare il quadro dell’informazione di tutti i cittadini in ordine a vicende che hanno segnato in maniera significativa la storia del Paese culminando con l’estremo sacrificio di magistrati che hanno strenuamente perseguito la difesa della legalità democratica”. La delibera si aggiunge alla disposizione con cui in occasione dei 25 anni delle stragi erano già stati desecretati “tutti gli atti relativi ai fascicoli personali di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, con esclusione di quelli intervenuti successivamente alle stragi”.

Leggi anche:
Il Giappone avverte: preoccupa crescente collaborazione militare Cina-Russia
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti