Auto elettriche cinesi danneggiano la produzione europea

Auto elettriche cinesi danneggiano la produzione europea
Valdis Dombrovskis
16 settembre 2023

La Commissione europea ha raccolto delle prove sul fatto che l’importazione di veicoli elettrici cinesi danneggia l’industria del settore nell’Ue, e ci sono dunque le basi per lanciare l’indagine anti-sovvenzioni da parte dell’Esecutivo comunitario, come ha annunciato mercoledì a Strasburgo la presidente Ursula von der Leyen durante il suo discorso al Parlamento europeo su “lo stato dell’Unione”. Lo ha precisato il vicepresidente esecutivo della Commissione responsabile per il Commercio internazionale, Valdis Dombrovskis, rispondendo ai giornalisti durante la conferenza stampa al termine dell’Ecofin informale questo pomeriggio a Santiago di Compostela, in Spagna.

“Il caso dei veicoli elettrici non era parte della discussione dell’Ecofin, ma posso immaginare che sarà parte della discussione nel Consiglio Ue dedicato al Commercio internazionale”, ha detto Dombrovskis. Come Commissione, ha spiegato, “abbiamo annunciato l’apertura di un’indagine formale anti sussidi riguardo agli veicoli elettrici cinesi. Questo perché i servizi della Direzione generale Trade (Commercio, ndr) hanno fatto delle valutazioni molto approfondite, e sono state raccolte prove sufficienti sulla minaccia di un danno (‘injury’, ndr) per l’industria europea dei veicoli elettrici. E considerando il fatto che dal 2035 solo veicoli a zero emissioni potranno essere venduti nell’Ue, questa questione – ha sottolineato – riveste naturalmente un’importanza strategica”.

“Ora – ha continuato Dombrovskis – stiamo facendo i primi passi: ci saranno consultazioni preliminari con il paese interessato, la Cina, e ci saranno ancora consultazioni sia con il governo cinese che l’industria durante l’indagine”. “Quello che stiamo facendo – ha puntualizzato il vicepresidente esecutivo della Commissione – lo facciamo in linea con il diritto Ue applicable e con le norme e i principi della Wto”, l’Organizzazione mondiale del Commercio. “Ora faremo questa indagine passo dopo passo. Ed è in effetti probabile che questa questione sia sollevata durante la mia prossima visita in Cina, per la quale stiamo programmando incontri bilaterali anche nel quadro del dialogo economico e commerciale di alto livello” tra l’Ue e Pechino.

Leggi anche:
Nove giorni al voto in Francia, le incognite della scommessa di Macron

“Nell’attuale contesto geopolitico e nell’attuale contesto commerciale e di sviluppo tecnologico – ha aggiunto subito dopo Nadia Calvino, ministro spagnolo delle Finanze e presidente di turno dell’Ecofin – dobbiamo garantire che vi sia parità di condizioni, dobbiamo proteggere la competitività degli attori europei, delle aziende europee, ma preservando al tempo stesso l’Ue come attore aperto nel contesto del commercio internazionale”. “Penso che questo sia esattamente ciò che la Commissione sta proponendo, e sono abbastanza convinta e fiduciosa che riuscirà a risolvere il problema, come ha fatto finora, con la sua competenza esclusiva in materia di politica commerciale”, ha concluso Calvino.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti