Biden in bilico, perplesso anche Obama. Kamala Harris pronta a subentrare?

Biden in bilico, perplesso anche Obama. Kamala Harris pronta a subentrare?
Barack Obama e Joe Biden
4 luglio 2024

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, appare sempre più in bilico, mentre la sua vice, Kamala Harris, sembra pronta a prendere il suo posto. Il New York Times ha rivelato che Biden ha confidato a un alleato chiave che sta considerando seriamente di ritirarsi dalla corsa presidenziale. Ma appena la notizia è cominciata a circolare, è arrivata subito la smentita dallo staff del Commander in Chief: la Casa Bianca ha negato nella maniera più categorica che Biden stesse valutando un simile, drammatico passo indietro. “Questa affermazione è assolutamente falsa. Se il New York Times ci avesse concesso più di sette minuti per commentare, glielo avremmo detto” ha scritto su X il portavoce Andrew Bates.

E così il caso si colora di giallo. Tuttavia, il capo della Casa Bianca è consapevole che potrebbe non essere in grado di salvare la sua candidatura se non riuscirà a convincere l’opinione pubblica della sua idoneità dopo la debacle del dibattito televisivo con Donald Trump. Biden ha attribuito il suo flop al jet lag causato dai frequenti viaggi tra Europa e America, ammettendo di essersi “quasi addormentato sul palco”. Gli eventi del lungo weekend del 4 luglio saranno cruciali per il futuro di Biden. È prevista un’intervista domani, venerdì, con George Stephanopoulos di ABC e altri comizi in Pennsylvania e Wisconsin, due Stati chiave. La Casa Bianca ha smentito le indiscrezioni del New York Times definendole “assolutamente false” e criticando il poco tempo concesso per un commento preventivo.

Leggi anche:
Elezioni Usa 2024, Donald Trump accetta nomination: vinceremo e riporterò la pace

La portavoce Karine Jean-Pierre ha ribadito che “Biden non sta assolutamente pensando di ritirarsi” e ha assicurato che sia Biden che Harris continueranno a combattere. Tuttavia, un altro alleato del presidente ha riferito alla Cnn che Biden ha riconosciuto privatamente che i prossimi giorni saranno decisivi per il suo futuro politico. I primi sondaggi post-dibattito indicano una perdita di terreno per Biden, con Trump in vantaggio al 49% contro il 43%. Alcuni parlamentari democratici, preoccupati di perdere il controllo di Camera e Senato, stanno considerando di chiedere apertamente a Biden di lasciare. Il deputato texano Lloyd Doggett è stato il primo a farlo pubblicamente, e altri 25 congressman potrebbero seguirlo.

Anche Barack Obama ha ammesso che la strada verso la rielezione di Biden è diventata più ardua. La salute del presidente è diventata un tema di dibattito, come ha indicato l’ex speaker della Camera Nancy Pelosi. Biden sta cercando di rassicurare il suo partito incontrando governatori democratici e leader del Congresso, alcuni dei quali si sentono trascurati dalla Casa Bianca. Nel caso Biden decidesse di ritirarsi, dovrebbe considerare tempi e conseguenze: se lo facesse presto, arriverebbe al vertice della NATO come un’anatra zoppa, ma aspettare il summit potrebbe favorire i repubblicani durante la loro convention di metà luglio. La scelta più naturale sarebbe passare il testimone a Kamala Harris, nonostante la sua impopolarità nei sondaggi. Ignorare Harris potrebbe alienare il voto di afroamericani e donne, essenziali per la vittoria democratica.

Leggi anche:
Lunedì Meloni vede Costa per ricucire rapporto con vertici Ue. Schiaffo dalla Nato

La possibile uscita di scena di Biden sta preoccupando anche la campagna di Trump, che si prepara a scenari alternativi. Nonostante il disastroso dibattito, il Partito Democratico è rimasto inizialmente unito nel sostenere Biden. Tuttavia, critiche interne sono emerse, con vari democratici di secondo piano che hanno espresso dubbi sulle capacità del presidente di vincere le elezioni di novembre. Il senatore Sheldon Whitehouse ha chiesto maggiore trasparenza sulle condizioni di Biden, mentre il deputato texano Doggett ha ufficialmente chiesto il ritiro del presidente. Anche altri deputati, come Jared Golden e Marie Gluesenkamp Perez, hanno espresso pubblicamente preoccupazioni.

Insomma, il Partito Democratico si trova in una situazione delicata, con il presidente Biden che cerca di rassicurare i suoi sostenitori mentre si intensificano le voci di un possibile ritiro. La vice Kamala Harris potrebbe essere chiamata a raccogliere il testimone in una corsa presidenziale sempre più incerta e complessa.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti