Bombardato palazzo di governo, a Mykolaiv 35 morti

Bombardato palazzo di governo, a Mykolaiv 35 morti
2 aprile 2022

Irpin è di nuovo sotto il controllo delle forze dell’Ucraina ma è devastata. La città al confine nord-occidentale di Kiev ha resistito alla forza dell’invasione russa ma ha pagato un prezzo altissimo. I pochi residenti rimasti si contano sulle punta delle dita e raccontano di come sono sopravvissuti a oltre un mese di bombardamenti incessanti. Qui è “l’apocalisse” raccontano. “Ogni 20-30 secondi sentivamo colpi di mortaio dalla direzione di Bucha – racconta Bogdan, residente di Irpin – si sentivano da tre a cinque colpi in un posto, poi una breve pausa, penso per riadattare il mortaio, poi altri tre-cinque colpi in un’altra zona”. “Nella mia casa, le lampade dei lampadari sono cadute a causa delle esplosioni. Durante i bombardamenti ci siamo seduti in casa in un angolo, dove i muri sono più spessi” ricorda Viktor.

E Oksana che vive alla periferia di Irpin dice: “Alle 4 del mattino qui è iniziato l’inferno. Alle 7:44 sono corsa e ho preso cibo per i nostri animali domestici, ho gatti, cani qui, ho pensato di dare loro da mangiare. E non ho avuto il tempo di correre dalla mia mucca perché a quell’ora è iniziato l’inferno”. Irpin era un’elegante città di pendolari tra le foreste di pini. Ora i suoi moderni condomini pastello sono ridotti in macerie, le strade sono vuote, disseminate di auto con parabrezza sfregiati dai proiettili. I soccorritori stanno ancora recuperando i corpi dei morti prima di portarli al ponte saltato in aria che collega la città con Kiev. Secondo le autorità qui sono stati uccisi 200 civili.

Intanto, il bilancio delle vittime del bombardamento del palazzo di governo di Mykolaiv, in Ucraina, è salito a 35. I soccorritori stanno continuando a cercare sopravvissuti tra le macerie dell’edificio colpito da missili nel centro della città. In generale, invece, il bilancio parla di almeno 158 bambini uccisi e più di 254 feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa fa sapere l’ufficio del procuratore generale del Paese precisando che due delle vittime figurano tra le 13 persone uccise quando le forze russe hanno sparato contro auto civili su un’autostrada a Chernihiv intorno al 18 marzo. L’ufficio ha affermato che i numeri non sono confermati poiché le ostilità impediscono indagini adeguate, in particolare in luoghi come Mariupol, precisando che 75 bambini sono stati colpiti a Kiev, 71 a Donetsk, 56 a Kharkiv, 46 a Chernihiv e 31 ciascuno a Mykolaiv e Luhans. Non ha fornito una ripartizione dei decessi e dei feriti nelle diverse regioni.

Leggi anche:
Milano, a San Siro un murale di Taylor Swift: "thanK you aIMee"
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti