Brasile 2014: addio Italia, Uruguay agli ottavi

24 giugno 2014

Azzurri condannati da un colpo di testa di Godin all’81’

Finisce a Natal il Mondiale dell’Italia. All’Arena das Dunas gli azzurri di Prandelli perdono 1-0 contro l’Uruguay e sono eliminati. Agli ottavi passano la Celeste di Tabarez e la Costa Rica, quest’ultima come prima classificata del Girone D. A condannare gli azzurri è un colpo di testa di Godin all’81’. Partita drammatica. Balotelli, nervosissimo e ammonito nel primo tempo, viene lasciato negli spogliatoi da Prandelli all’intervallo. Espulso Marchisio al 58′, nel finale non visto un morso di Suarez ai danni di Chiellini.

A Natal ci si gioca tanto e si vede fin dai primi minuti. Squadre contratte, ritmi bassi e poche occasioni. Il primo tiro in porta è azzurro: punizione insidiosa di Pirlo, Muslera (incerto) si rifugia in corner. Balotelli è nervoso, troppo: e al 23′ rimedia un evitabilissimo cartellino giallo per un’entrata scomposta su Alvaro Pereira. Ammonizione pesante, Super Mario era in diffida. Prova a scuotersi l’Italia, ma Immobile spara alle stelle col sinistro un pallone da ottima posizione. Ma alla prima zampata è l’Uruguay a fare paura: Buffon salva prima su un sinistro di Suarez, poi si ripete con un intervento straordinario sulla successiva respinta di Lodeiro. È l’ultima emozione dei primi 45 minuti, si va al riposo sullo 0-0.

Leggi anche:
Caos scuola, dal 22 ottobre il concorso straordinario per 32mila prof. Protestano i sindacati

Si riparte con una novità clamorosa. Balotelli resta negli spogliatoi, al suo posto Prandelli lancia Parolo che va a infoltire il centrocampo. Immobile diventa unica punta. Brivido per l’Italia al minuto 51 quando l’arbitro messicano Rodriguez non concede un rigore evidente per una trattenuta di Bonucci ai danni di Cavani. Soffrono gli azzurri e al 60′ anche l’arbitro ci mette del suo: Marchisio entra su Arevalo Rios con la gamba alta e rimedia il rosso diretto. Decisione severissima quella del fischietto messicano. Ora è assedio Uruguay ed è ancora Buffon a compiere il miracolo distendendosi su una puntata di Suarez destinata in fondo al sacco. Nel finale succede di tutto: l’arbitro Rodriguez e i suoi collaboratori non vedono un morso di Suarez ai danni di Chiellini. E all’81’ arriva il gol dell’Uruguay: corner da destra di Gaston Ramirez e colpo di testa vincente di Godin. L’Italia tenta il tutto per tutto anche in dieci, ma è allo stremo delle forze e l’assalto finale non serve. L’Uruguay resiste e fa festa, gli azzurri sono eliminati e a pezzi. (TMNews)

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti