Cairo: investiremo molto su online, errore informazione gratis

Cairo: investiremo molto su online, errore informazione gratis
Urbano Cairo
13 luglio 2018

Urbano Cairo come editore punta sull’online con investimenti importanti: lo ha detto alla presentazione dei palinsesti di La7 a Milano. “Stiamo immaginando una serie di attività per sviluppare molto di più l’online, oggi redditizio, in passato Rcs ha perso soldi su questo ma oggi no” ha detto l’editore alla presentazione dei palinsesti di La7 a Milano. “Potremo coinvolgere giornalisti giovani come Mentana pensava di fare con la sua proposta, abbiamo uno spazio incredibile che dobbiamo cogliere, la Gazzetta dello sport ha numeri straordinari online 2,1 milioni di utenti unici al giorno, 5,5 milioni a settimana, e 7 milioni e 500 Mila pagine viste, più della di somma Sky Mediaset, Corriere dello sport e Tuttosport” ha aggiunto, in particolare puntando l’attenzione sul sito di La7 che “dobbiamo rafforzare”.

Cairo ha citato gli esempi americani del New York Times per 94 milioni di utenti unici ad aprile, Cbs news con 68 milioni, la Cnn che è totalmente dedicata all’informazione 122 milioni, mentre il Corriere della Sera ogni giorno ha 2,5 milioni di utenti unici che diventano 9,2 milioni un una settimana mentre La7 viaggia su numeri molto piccoli, 100-120 Mila con un rapporto di 1 a 20 mentre negli Stati Uniti è circa di uno a uno. “Sull’online non ho cambiato idea, quando ne parlavamo alcuni anni fa vedevo come fosse un’opportunità molto interessante però avendo un gruppo di dimensioni abbastanza piccole e non essendo io un ventenne non mi sentivo così forte dal punto di vista online per dare la propulsione che un’azienda deve avere. Non avevo quel tipo di touch e non mi potevo permettere di perdere 10-20 milioni all’anno come è successo in molte aziende editoriali facendo errori strategici importantissimi, dare l’informazione gratis è stato un errore fondamentale non solo in Italia ma nel mondo” ha detto Cairo, rispondendo a chi gli chiedeva se in merito avesse cambiato idea.

“Il mondi dei libri ha tenuto meglio della carta stampata perché gli eBook sempre stati a pagamento, in Italia rappresentano il 5 percento del mercati dei libri e in America il 18-20 percento. In Italia si deve fare molto, poi io lavoro per fare le cose bene, Rcs è passata dal perdere nel 2011-2015 260 milioni all’anno pieni, di cui 173 nell’ultimo, a guadagnare nel 2017 71 milioni netti mantenendo la forza lavoro. A Rizzoli sono stati persi milioni, me la sono comprata e oggi la sviluppo, l’online è importante e si guadagna, investiamo anche in modo importante” ha concluso Cairo.

Leggi anche:
Fondo perduto, Cig, credito d`imposta e aiuti a imprese più colpite: ecco il decreto Ristori

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti