Carceri, nel 2015 pareggio tra detenuti e posti disponibili

Carceri, nel 2015 pareggio tra detenuti e posti disponibili
22 dicembre 2014

“Abbiamo affrontato il sovraffollamento nelle carceri con risultati importanti: siamo vicini alla chiusura della forbice, a dicembre 2014 abbiamo 54.050 detenuti presenti a fronte di 49.494 posti disponibili. A oggi la forbice si è ristretta a meno di 5 mila unità e si può dire senza eccesso di ottimismo che il 2015 sarà l’anno in cui i posti disponibili potranno coincidere con il numero dei detenuti”. Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando, che in una conferenza stampa al Ministero ha fatto il punto sulla situazione del sistema carcerario italiano.

Orlando ha spiegato che “il tasso di sovraffollamento”, che a dicembre è del 109,21% rispetto al 151,5% del giugno 2009, “è sceso sensibilmente e ci ha fatto fare passi in avanti nel sistema europeo anche rispetto a paesi come la Francia e la Gran Bretagna. Tutto questo – ha ricordato – non è avvenuto con provvedimenti di carattere eccezionale, ma è stato realizzato con il ruolo fondamentale della magistratura di sorveglianza che ha fatto delle analisi puntuali delle singole domande, con valutazioni di merito della pericolosità dei detenuti.
L’intervento ha inciso sul numero dei detenuti ma non sul controllo e sulla sicurezza, perchè l’aumento dell’utilizzo delle pene alternative che ha portato ad avere meno detenuti non è corrisposto a meno soggetti sottoposti a esecuzione di pena e a controllo”. A dicembre 2014 le misure alternative sono infatti 31.045 e quelle detentive 53.526 (84.571 totali), mentre a dicembre 2012 erano rispettivamente 22.511 e 65.701 (88.212 totali).

Leggi anche:
Europee, FdI: voto fuori sede un successo storico del governo

“Anche la messa alla prova sta dando risultati importanti sui numeri: dal prossimo anno sarà uno degli elementi che qualificherà di più il nostro sistema penale. Rimane un problema il numero di detenuti in attesa di giudizio di primo grado”, che sono 9.875: “Una risposta importante potrà avvenire con la riforma della custodia cautelare che è in dirittura d’arrivo”, ha concluso Orlando.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti