Carfagna: Sicilia prima beneficiaria quota Sud Pnrr

Carfagna: Sicilia prima beneficiaria quota Sud Pnrr
Mara Carfagna
1 marzo 2022

La Sicilia è prima beneficiaria degli investimenti derivati dalla quota Sud del Pnrr e questo “è un segnale di speranza”. Così la ministra per il Sud e la coesione sociale Mara Carfagna che con un videomessaggio è intervenuta all’incontro organizzato da Cisl Siclia sul rilancio economico, produttivo e sociale dell’Isola. “Per le infrastrutture – il sistema ferroviario, le navi, la gestione delle risorse idriche, i porti, le aree interne, la qualità dell’abitare – arriveranno 3 miliardi e mezzo in 5 anni. Ma non solo, sono siciliani – aggiunge la ministra – alcuni dei principali progetti immediatamente cantierabili che abbiamo finanziato la settimana scorsa, con un anticipo di 6 miliardi e 300 milioni del Fondo sviluppo e coesione”.

“Stiamo restituendo ai siciliani – le parole della ministra – opere pubbliche attese da oltre 20 anni, ma anche opportunità di sviluppo importanti per le due zone economiche sociali dell’Isola. Fare del Sud e dei suoi porti il più grande hub logistico del mediterraneo”. In particolare, nella Zona economica speciale orientale “c’è un investimento di oltre 61 milioni di euro nei collegamenti dei porti di Augusta, Gela, Riposto, Sant’Agata di Militello e sull’inter-porto di Catania. E nella Zes occidentale, c’è un finanziamento di 39 milioni di euro per le nuove banchine e la logistica di Termini Imerese e, con oltre 17 milioni, il potenziamento e collegamento tra porto e area industriale a Trapani”. Carfagna menziona poi un altro motivo di speranza che risiede nel fatto che “questo governo ha rovesciato la prospettiva da cui l’Italia sta guardando il suo Sud: non più una zavorra da contentare con qualche sussidio, ma come secondo motore dello sviluppo nazionale”.

Leggi anche:
Regionali in Sicilia, Cuffaro: Dc protagonista, saremo la sorpresa
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti