Casa Bianca ritira obbligo di vaccinazione in grandi imprese

Casa Bianca ritira obbligo di vaccinazione in grandi imprese
26 gennaio 2022

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha formalmente ritirato l’obbligo di vaccinazione nelle aziende con più di 100 dipendenti, prendendo atto del veto emesso dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. L’Agenzia per la salute e la sicurezza sul lavoro (Osha) ha annunciato questo ritiro in un breve comunicato stampa senza menzionare la decisione dell’Alta Corte che non le ha lasciato scelta. Ha affermato di “incoraggiare fortemente i dipendenti a vaccinarsi contro i pericoli in corso posti dal Covid-19 sul posto di lavoro”. Negli Stati Uniti, dove il virus ha ucciso più di 870.000 persone, solo il 63% della popolazione è completamente vaccinato a causa di divisioni politiche molto marcate sulla questione.

Dopo mesi di tentativi di convincere i riluttanti, il democratico Joe Biden ha annunciato a settembre di voler rendere obbligatoria la vaccinazione per i dipendenti delle grandi aziende, del settore medico e dei dipendenti pubblici federali. Nella terra delle libertà individuali, la sua decisione è stata subito denunciata come un abuso di potere da parte di repubblicani eletti e da parte del mondo economico, che avevano avviato un’azione legale. Il 13 gennaio la Corte Suprema si è accordata con loro in merito ai circa 84 milioni di persone impiegate nelle grandi aziende. Ha invece convalidato l’obbligo di vaccinazione per i dipendenti delle strutture sanitarie beneficiarie dei fondi federali. Martedì, i repubblicani eletti hanno accolto con favore il ritiro della misura nel settore privato. “L’amministrazione Biden si sta piegando alla realtà e alla fine rispetta la Costituzione”, ha twittato il senatore Josh Hawley.

Leggi anche:
Nuova grana Santanchè non cambia linea Meloni: via con processo
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti