Caso Renzi, Consulta: e-mail e whatsapp sono corrispondenza

Caso Renzi, Consulta: e-mail e whatsapp sono corrispondenza
27 luglio 2023

La Corte costituzionale ha accolto il conflitto di attribuzione proposto dal Senato nei confronti della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, nella parte in cui era diretto a contestare la legittimità dell`acquisizione di corrispondenza del senatore Matteo Renzi in violazione dell’art. 68, terzo comma, Cost. Respinto invece per quel che riguarda l’acquisizione dell’estratto conto bancario dell’ex premier. Con sentenza n.170 del 2023 (red. Franco Modugno), la Corte “ha dichiarato che la Procura non poteva acquisire, senza preventiva autorizzazione del Senato, messaggi di posta elettronica e whatsapp del parlamentare, o a lui diretti, conservati in dispositivi elettronici appartenenti a terzi, oggetto di provvedimenti di sequestro nell`ambito di un procedimento penale a carico dello stesso parlamentare e di terzi”.

 

Messaggi come corrispondenza

 

Tali messaggi infatti “sono stati ritenuti riconducibili alla nozione di ‘corrispondenza’, costituzionalmente rilevante e la cui tutela non si esaurisce, come invece sostenuto dalla Procura, con la ricezione del messaggio da parte del destinatario, ma perdura fin tanto che esso conservi carattere di attualità e interesse per gli interlocutori. Gli organi investigativi – ha precisato la Corte – sono abilitati a disporre il sequestro di ‘contenitori’ di dati informatici appartenenti a terzi, quali smartphone, computer o tablet: ma quando riscontrino la presenza in essi di messaggi intercorsi con un parlamentare, debbono sospendere l’estrazione di tali messaggi dalla memoria del dispositivo e chiedere l’autorizzazione della Camera di appartenenza per poterli coinvolgere nel sequestro. Ciò a prescindere da ogni valutazione circa il carattere ‘occasionale’ o ‘mirato’ dell’acquisizione dei messaggi stessi”.

Leggi anche:
Mattarella: contro odio politico educare a essere minoranza

La Consulta non ha invece accolto il ricorso nella parte in cui veniva contestata l`acquisizione da parte della Procura, senza autorizzazione, dell’estratto del conto corrente personale del Senatore Renzi, “in quanto non era stato spedito dalla banca al parlamentare, ma allegato a segnalazioni di operazioni bancarie provenienti da uffici della Banca d`Italia”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti