“Conflitto armato interno”, caos in Ecuador mina strada di Biden per rielezione

“Conflitto armato interno”, caos in Ecuador mina strada di Biden per rielezione
10 gennaio 2024

Il caos scoppiato in Ecuador potrebbe influenzare negativamente le prospettive di rielezione di Joe Biden, aprendo la strada a un ritorno di Donald Trump. Le implicazioni domestiche di questa situazione, unite all’urgenza di affrontare l’emergenza narcos e migratoria, pongono sfide significative all’amministrazione Biden, richiedendo risposte concrete e immediate. Dunque, il capo della Casa Bianca si ritrova davanti a una terza crisi internazionale, dopo quella dell’Ucraina e Israele. Ma la crisi in Centroamerica è molto meno “straniera” rispetto alle precedenti, questa volta è più vicina a casa. E così l’Ecuador, al confine degli Stati Uniti, diventa l’epicentro di un caos che potrebbe avere un impatto significativo sulla politica interna americana. Perchè per Biden questo “conflitto armato interno” all’Ecuador potrebbe minare il suo percorso alla rielezione? Due sono gli aspetti cruciali: la crisi legata al narcotraffico, che ha causato un pesante tributo di morti per overdose tra i cittadini americani, e l’emergenza migratoria, con flussi inarrestabili di stranieri illegali attraverso il confine messicano. 

In sostanza, la situazione ecuadoregna aggiunge drammaticità alla terza crisi dell’era Biden. Tutto nasce da un commando che ha preso d’assalto lo studio di un`importante emittente televisiva dell`Ecuador durante una trasmissione in diretta, spingendo il presidente del paese a dichiarare lo stato di “conflitto armato interno” nel mezzo di una serie di attacchi apparentemente coordinati in tutto il paese sudamericano. Le forze speciali della polizia hanno successivamente arrestato tutti gli uomini armati mascherati che hanno invaso la sede della rete TC Televisión nella più grande città dell’Ecuador, Guayaquil. Armati di pistole, fucili, mitragliatrici, granate e candelotti di dinamite, alcuni uomini hanno invaso lo studio durante il telegiornale El Noticiero.

 

 

Con le telecamere che trasmettevano in diretta, gli assalitori sono stati mostrati dalle telecamere, mentre alcuni dipendenti si sdraiavano sul pavimento e si sentiva qualcuno gridare “Non sparare!”, prima che il segnale venisse finalmente interrotto. Il quotidiano El Universo ha riferito che giornalisti e operatori, in preda al panico, al panico hanno inondato i gruppi di messaggistica con richieste di aiuto. “Vogliono ucciderci tutti. Aiutateci”, si legge in un messaggio. Alina Manrique, responsabile delle notizie per TC Television, ha detto che si trovava nella sala di controllo, di fronte allo studio, quando un gruppo di uomini mascherati è entrato nell’edificio. Uno degli uomini le ha puntato una pistola alla testa e le ha detto di sdraiarsi sul pavimento, ha spiegato all’Associated Press. “Sono ancora sotto shock”, ha detto Manrique in un’intervista telefonica. “Tutto è crollato, tutto quello che so è che è ora di lasciare questo Paese e andare molto lontano”.

Il comandante della polizia César Zapata ha poi riferito al canale televisivo Teleamazonas che gli agenti hanno sequestrato le armi e gli esplosivi che gli uomini armati avevano con sé e che 13 persone sono state arrestate, dicendo: “Questa è un’azione che dovrebbe essere considerata un atto terroristico”. Le scene scioccanti trasmesse in diretta televisiva sono arrivate mentre i gruppi criminali lanciavano un`ondata di terrore in tutto l`Ecuador, in mezzo a nuovi scoppi di violenza nelle carceri del paese. Ci sono state segnalazioni non confermate di uomini armati entrati in un’università di Guayaquil e di saccheggi nel centro di Quito, così come video sui social media hanno mostrato apparentemente il linciaggio di alcune guardie carcerarie tenute in ostaggio da detenuti. 

 

 

Poco dopo l`assalto alla stazione televisiva, il presidente dell`Ecuador Daniel Noboa ha emesso un decreto che designava 20 bande di trafficanti di droga come gruppi terroristici e autorizzava l`esercito ecuadoriano a “neutralizzare” le fazioni criminali “entro i limiti del diritto umanitario internazionale”. La decisione è arrivata solo un giorno dopo che Noboa ha dichiarato lo stato di emergenza in seguito alla fuga dal carcere del leader della banda più pericolosa del paese. Mentre migliaia di soldati e poliziotti cercavano Adolfo Macías, alias Fito – il leader condannato della potente banda di narcotrafficanti Los Choneros – il caos è esploso dentro e fuori le carceri in un`apparente dimostrazione di forza da parte delle bande della criminalità organizzata. 

 

Il capo di Stato Maggiore della Difesa, Jaime Vela Eraso martedì, a seguito di una riunione del consiglio di sicurezza, ha dichiarato 22 gruppi criminali che operano nel paese come “obiettivo militare” e ha detto che non ci sarebbero stati negoziati con loro. “Daniel Noboa, il presidente della Repubblica, ci ha fissato una missione molto chiara nel suo decreto n. 111. D’ora in poi, ogni gruppo terroristico identificato nel suddetto decreto diventerà un obiettivo militare. Il presente e il futuro del nostro paese è in gioco e nessun atto di terrorismo ci farà arrendere. Non ci ritireremo né negozieremo”, ha detto in un discorso video pubblicato dalla presidenza ecuadoriana su X. Il Perù, intanto, ha dichiarato lo stato di emergenza lungo il confine settentrionale con l`Ecuador. Il primo ministro Alberto Otarola ha sottolineato che la dichiarazione di emergenza prevede lo schieramento di un numero imprecisato di truppe dell’esercito per sostenere le forze di polizia e che anche i ministri della Difesa e degli Interni si recheranno alla frontiera.

 

Le reazioni 

 

“Estremamente preoccupati per le violenze e i rapimenti odierni in Ecuador”, afferma Brian Nichols del Dipartimento di Stato americano. Il diplomatico americano ribadisce che i funzionari americani continueranno gli stretti contatti con la squadra del Presidente dell’Ecuador e promette: “Siamo pronti a fornire assistenza al governo ecuadoriano”. Nichols è il principale responsabile della politica statunitense nei confronti dell`America Latina. Il presidente dell’Ecuador Daniel Noboa ha imposto lo stato di emergenza e dichiarato “il conflitto armato interno” in risposta alle violenze di questa settimana. Intanto, il portavoce della Casa Bianca per la questioni di sicurezza nazionale, John Kirby, ha dichiarato che gli Stati Uniti non stanno prendendo in considerazione l’invio di truppe in Ecuador a seguito delle violenze nel Paese, ma sono disposti a parlare con il governo ecuadoriano per capire di quale tipo di aiuto concreto potrebbe aver bisogno.

La Cina sostiene gli sforzi dell`Ecuador per salvaguardare la stabilità sociale e spera in una rapida normalizzazione della situazione nel paese, ha detto oggi la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning. All`inizio della giornata, l`ambasciata e i consolati generali cinesi in Ecuador hanno annunciato una sospensione temporanea delle operazioni. “La Cina sostiene gli sforzi compiuti dal governo dell’Ecuador per proteggere la stabilità sociale e spera in un rapido ripristino della situazione in Ecuador”, ha detto Mao in un briefing alla stampa. La portavoce ha espresso la speranza che le autorità ecuadoriane garantiscano la sicurezza dei cittadini e delle organizzazioni cinesi con sede nel paese. Non ci sono informazioni su cittadini cinesi feriti a seguito degli scontri, ha aggiunto Mao.

La Spagna segue con preoccupazione l’attuale situazione in Ecuador, ha dichiarato oggi il primo ministro spagnolo, Pedro Sánchez, inaugurando l’VIII Conferenza degli ambasciatori. “Vorrei dire a tutta la società spagnola e, naturalmente, a quella ecuadoriana, con la quale siamo sempre così uniti, che seguiamo con logica preoccupazione gli eventi che si stanno verificando negli ultimi giorni in quel paese, e che sosteniamo (…) istituzioni democratiche e confidiamo che la normalità sarà presto ripristinata”, ha affermato Sánchez.

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha espresso la sua preoccupazione per le violenze in Ecuador. “Profondamente preoccupato per la grave recrudescenza di violenza in Ecuador orchestrata da gruppi criminali”, ha pubblicato il diplomatico sulla sua pagina X. Ha descritto la violenza come “un attacco diretto alla democrazia e allo stato di diritto” e ha affermato che l’Unione Europea è solidale con le vittime. Borrell ha inoltre promesso che il blocco continuerà a sostenere gli ecuadoriani e le istituzioni democratiche del Paese.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è allarmato per l’escalation di violenza in Ecuador e ha avuto un colloquio telefonico con il rappresentante permanente del Paese. Lo ha dichiarato il portavoce, Stephane Dujarric. “Questa mattina il segretario generale ha parlato telefonicamente con il rappresentante permanente dell’Ecuador e posso dirvi che il segretario generale è molto allarmato per il deterioramento della situazione nel Paese e per il suo impatto dirompente sulla vita degli ecuadoriani”, ha dichiarato Dujarric durante un briefing con la stampa.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti