Consiglio Ue, sul tavolo imprese e migranti. Meloni incontra Zelensky a Bruxelles

Consiglio Ue, sul tavolo imprese e migranti. Meloni incontra Zelensky a Bruxelles
9 febbraio 2023

Sarà Volodymyr Zelensky il protagonista del Consiglio europeo straordinario in programma oggi a Bruxelles. Il presidente ucraino, stamani a Londra da Rishi Sunak e Carlo III e stasera a Parigi per incontrare Emmanuel Macron e Olaf Scholz, interverrà in presenza ai lavori del summit, che si aprirà in anticipo alle 9.30, e all’Europarlamento. Zelensky ringrazierà l’Europa per il sostegno ricevuto in quasi un anno di guerra e chiederà ai leader di supportare ancora l’Ucraina, anche con l’invio di nuove armi. Un supporto che il Consiglio ribadirà nelle conclusioni finali, anche se su un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia ancora non c’è accordo. Ma l’ospite speciale (con cui Giorgia Meloni avrà un bilaterale a margine dei lavori, anche in vista della visita a Kiev prima del 24 febbraio) non deve far passare in secondo piano i temi, fondamentali, all’ordine del giorno di un vertice che si presenta in salita per gli obiettivi dell’Italia.

Due, in particolare, i dossier sul tavolo: la risposta all’Inflation reduction act varato dal presidente americano Joe Biden e la questione migratoria. Il primo tema riguarda il modo in cui l’Europa cercherà di incrementare la competitività del sistema economico. L’Ira americano prevede un massiccio investimento in particolare nel campo della transizione energetica. Un programma che, di riflesso, può penalizzare le imprese europee. La commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, ha proposto un pacchetto che prevede un allentamento notevole dei vincoli agli aiuti di Stato. Un intervento supportato in particolare dalla Germania e dalla Francia, Paesi che hanno una capacità di spesa più grande di altri, come l’Italia. Per questo Giorgia Meloni ribadirà il suo “no” al semplice allentamento, puntando al contrario su una ‘ricetta’ costituita da maggiore flessibilità sui fondi esistenti (compreso il Pnrr) e dalla creazione di un Fondo sovrano europeo per gli investimenti.

Leggi anche:
Meloni ribattezza 'Gli appunti di Giorgia': "Vera TeleMeloni è questa"

Di questo Meloni ha parlato negli incontri avuti venerdì scorso a Stoccolma con il primo ministro Ulf Kristersson e a Berlino con il cancelliere Scholz, ma anche in telefonate, tra gli altri, con Macron, con il premier spagnolo Pedro Sanchez, con il primo ministro olandese Mark Rutte, con il cancelliere federale austriaco Karl Nehammer, e con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. L’obiettivo (molto difficile) è quello di rompere la ‘tenaglia’ franco-tedesca, Paesi che vivono una rafforzata alleanza, come dimostra anche l’incontro di stasera all’Eliseo. Parigi e Berlino sulla competitività si stanno muovendo formalmente nel percorso europeo, ma nella sostanza da soli. Ne è prova il viaggio a Washington, ieri, dei ministri dell`Economia Bruno Le Maire e Robert Habeck, che hanno visto il segretario al Tesoro Janet Yellen e la rappresentante americana per il commercio Katherine Tai. Alla fine, stando alle prime bozze della dichiarazione finale, dovrebbe essere trovata una soluzione di compromesso: Parigi e Berlino avranno l’allentamento sugli aiuti di Stato, l’Italia (e gli altri Paesi nella stessa condizione) potranno contare su una maggiore flessibilità, nei progetti e nei tempi, per l’impiego delle risorse già in campo.

Per quanto riguarda il Fondo sovrano, invece, al momento non sembrano esserci spiragli ma una semplice “presa d’atto” dell’ipotesi. Anche per quanto riguarda i migranti, Meloni ha cercato di creare i presupposti per un sostegno nei suoi contatti, ma anche questo tema è fortemente divisivo e sarà difficile raggiungere risultati concreti e immediati, vista anche l’opposizione della presidenza svedese a modifiche sostanziali dell’attuale assetto europeo dell’accoglienza. Meloni non è però sola nella ‘battaglia’: seppur su un altro fronte, la rotta balcanica, anche l’Austria chiede un maggiore impegno comunitario, minacciando di usare il veto sui lavori del Consiglio. Da parte sua la premier ribadirà le sue richieste: sostegno nella “difesa dei confini”, che è una “questione di sicurezza” per l’intera Europa, e “responsabilità e solidarietà” nella gestione dell’accoglienza e dei rimpatri.

Leggi anche:
Medvedev avverte: un attacco americano ai russi significherebbe Guerra Mondiale

Il messaggio ai Paesi del Nord è che dei movimenti secondari non si può parlare se, contemporaneamente, non si affronta il problema dei movimenti primari. Alla fine il Consiglio, che discuterà anche sul finanziamento dei ‘muri’ alle frontiere, dovrebbe approvare un passaggio in cui si definisce “necessaria” una “azione rapida” per assicurare i rimpatri, “utilizzando come leva tutte le politiche, gli strumenti e i mezzi pertinenti”. Un possibile strumento in questo senso potrebbe essere quello ipotizzato nei giorni scorsi dalla stessa premier: concedere agevolazioni tariffarie sull’export dai Paesi in via di sviluppo e maggiori quote di emigrazione legale in cambio di un crescente impegno nella limitazione delle partenze. La discussione sarà accesa (e forse peseranno le ‘ruggini’ con la Francia sulla questione Ong) e prevedibilmente lunga, anche perché l’obiettivo è quello di chiudere il vertice nella sola giornata odierna e “solo se non sarà possibile” proseguire venerdì.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti