Conte e la sindrome dell’escluso. Vede solo complotti contro di lui

Conte e la sindrome dell’escluso. Vede solo complotti contro di lui
Giuseppe Conte
27 agosto 2022

Sembra soffrire della sindrome da esclusione, ma allo stesso tempo, è convinto di poter governare da solo. Sono le ennesime due facce di Giuseppe Conte, un leader alla ricerca di non si sa che cosa ma di certo, continua giornalmente ad attaccare tutti e tutto: Meloni, Salvini, Calenda, Renzi, Letta, Di Maio. Solo Berlusconi, forse, sembra non essere nel mirino contiano. Certo, se uno nella vita si scaglia sempre verso gli altri, invece di porgere anche la mano, non è difficile capire che prima o poi si ritroverà solo. Sta di fatto che la sindrome da esclusione non si arresta. E così dopo le lamentale per non essere stato invitato al Meeting di Rimini (“non è stata ospitata la voce del Movimento 5 Stelle”), ora il capo dei Cinque Stelle sente all’orizzonte puzza di larghe intese, o meglio di inciuci.

E sbotta. Ci sono “forze politiche che parlano di agenda Draghi e che hanno l’obiettivo di ritrovarsi al potere a gestire, riuscire a governare al di là del consenso che avranno alle urne – afferma il presidente del M5S -. Se non vogliamo far ammalare la democrazia chiedo agli italiani di venire a votare: le proposte non sono tutte uguali”. Tuttavia, Conte, tra il serio e il faceto, pensa che dopo il 25 settembre non si ritroverà solo all’opposizione ma da solo potrà governare. “Mi immagino da solo al governo”, dice il leader M5S, ammettendo, tuttavia, che “è complicato”. Poi seduce gli italiani sottolineando che “hanno un grande destino nelle proprie mani”, se quel 40 per cento di astensionismo “decide di andare a votare significa ribaltare completamente sondaggi e pronostici”. Legittimo sperare. Ma il lupo, com’è noto, perde il pelo ma non il vizio. E arriva così un ennesimo attacco di Conte contro il governo Draghi, per non dire contro lo stesso premier.

Leggi anche:
La manovra spacca la Sinistra: proteste in tre piazze diverse

“Lascia un’eredità sul piano dell’agenda ecologica e sociale modesta. Si poteva far di più”, puntella il presidente del MoVimento Cinque Stelle che l’ha giurata a Draghi fin dall’inizio, quando ha ‘difeso’ il suo Governo fino allo spasimo contro l’ex presidente della Bce. E, successivamente, ha cercato di togliersi il macigno dalle scarpe contribuendo, e non poco, al pasticcio dell’elezione del presidente della Repubblica, con la conseguenza di ottenere la caduta della candidatura di Draghi. E così è andata. Il resto è noto. D’altronde, s’è parlato tanto di gelosia di Conte nei confronti dell’attuale premier. Più volte l’ha detto in tutte le salse anche Luigi Di Maio, ministro degli Esteri e leader di Impegno Civico: “Si avvertiva una certa irritazione perché Draghi era arrivato dopo di lui. Ma ognuno di noi è pro tempore e non si può affezionare a una carica”. E questa è l’unica certezza.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti