Sassuolo-Spal 0-2, ferraresi ai quarti

Sassuolo-Spal 0-2, ferraresi ai quarti
15 gennaio 2021

Sarà la Spal di Pasquale Marino la sfidante della Juventus ai quarti di finale di Coppa Italia. I ferraresi hanno eliminato a sorpresa il Sassuolo di De Zerbi andando a vincere 2-0 in trasferta al Mapei Stadium. Dopo un primo tempo equilibrato, l’espulsione di Djuricic al 47′ ha cambiato le carte in tavola. Immediato il vantaggio della Spal al 49′ con Missiroli, poi il raddoppio di Dickmann al 58′ ha chiuso la contesa. Due pali per il Sassuolo. Alla squadra di De Zerbi resta il timido rimpianto di due pali, di Raspadori nel primo tempo e di Muldur nel secondo, ma non basta per giustificare anche un atteggiamento che non può aver soddisfatto il tecnico.

E non bastano nemmeno le assenza per spiegare una prestazione così inconsistente. La Spal ha fatto quello che doveva fare, contenendo il Sassuolo nella prima parte e colpendo in modo deciso nella ripresa, legittimando la vittoria e il passaggio al turno successivo (unica di serie B) con la Juventus. All’inizio non succede niente fino al palo colpito da Raspadori al 24′ che raccoglie una respinta della difesa. La Spal perde Di Francesco per infortunio. Marlon non sfrutta una palla in attacco nel cuore dell’area, risponde la squadra di Marino al 37′ con l’incursione di Dickman risolta in angolo da Marlon. Nel finale ancora Raspadori che con un diagonale fa tremare Berisha. Nell’intervallo De Zerbi toglie uno svogliato Boga e subito dopo il fischio dell’arbitro Camplone il Sassuolo resta in dieci.

Leggi anche:
Fantastico Leclerc, sua la vittoria a Montecarlo

Il Var richiama infatti il direttore di gara che punisce con il rosso diretto l’entrata di Djuricic sulla gamba di Sernicola. Due minuti dopo il vantaggio Spal con Missiroli che da posizione ravvicinata raccoglie l’assist di Seck. Inspiegabile l’immobilismo della difesa di casa. Il raddoppio non tarda ad arrivare e al 13′ Dickman al volo batte Pegolo dopo il cross di D’Alessandro. La reazione del Sassuolo è inconsistente, anche se il palo di Muldur (20′) avrebbe potuto cambiare l’inerzia della gara. La Spal acquista fiducia, l’avversario non dà segnali di reazione e con merito si gode questa qualificazione non facile da preventivare alla vigilia.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti