Coronavirus, sul tavolo del governo il green pass

Coronavirus, sul tavolo del governo il green pass
20 luglio 2021

A fronte di 218.705 tamponi (ieri 89.089), sono stati 3.558 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime ventiquattr’ore (ieri erano 2072), mentre i morti sono stati 10 (+3). Il tasso di positività si è attestato sull’1,6% (-0,7%). È quanto riporta il bollettino diffuso quotidianamente dal Ministero della Salute. Salgono invece le terapie intensive per Covid, oltre ai ricoveri nei reparti ordinari. Sono 165 i pazienti in rianimazione per il coronavirus in Italia.

Gli ingressi giornalieri, sempre secondo il ministero della Salute, sono 11 (ieri 16). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.194, quindi 6 in più rispetto a ieri. I casi nel nostro Paese dall’inizio della pandemia sono 4.293.083, i morti 127.884. I dimessi e i guariti sono invece 4.115.889, con un incremento di 1.760 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 49.310, in aumento di 1.785 unità nelle ultime 24 ore.

Il Green pass va utilizzato “in modo intelligente ed estensivo”, perché rappresenta uno “strumento fondamentale che ci può consentire di governare questa fase”. E su questo punto “stiamo cercando di ragionare all’interno del governo – nelle prossime ore ci sarà una discussione in Consiglio dei ministri – e con le Regioni”, per poter effettuare “le scelte migliori”.

È quanto sottolinea il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso dell’evento web promosso da Cittadinanzattiva e Forum disuguaglianze e diversità: “Quale riforma per gli anziani non autosufficienti e le loro famiglie? La società civile stringe un patto e interpella le istituzioni”. Tuttavia, per Speranza, la strada maestra rimane quella dei vaccini e per la quale “non devono esserci divisioni né ambiguità”, ma si deve lavorare tutti insieme affinché “la campagna prosegua”.

Leggi anche:
L'Italia è in fiamme da nord a Sud, roghi in tutto il Paese

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti