Coronavirus, in Francia scatta coprifuoco. Più telelavoro, nasce la “bolla sociale”

Coronavirus, in Francia scatta coprifuoco. Più telelavoro, nasce la “bolla sociale”
14 ottobre 2020

La seconda ondata della pandemia di Covid 19 sta investendo la Francia paese. Di fronte alla recrudescenza epidemica osservata dall’inizio dell’anno scolastico, l’esecutivo non ha avuto altra scelta che decidere nuove restrizioni per cercare di contenere la circolazione del virus sul territorio.

Ospite di TF1 e di France 2 questo mercoledì sera, Emmanuel Macron ha annunciato di aver nuovamente dichiarato lo stato di emergenza sanitaria, che entrerà in vigore questo sabato. Ha poi dettagliato la sua nuova strategia per combattere il Covid-19 per le prossime settimane e mesi. Il “coprifuoco” per evitare il ricontenimento. Da questo sabato, le zone più colpite dal virus saranno poste sotto cappa tra le 21:00 e le 6:00, per un periodo da quattro a sei settimane. Sono interessate Parigi e l’Île-de-France, oltre ad altre 8 metropoli: Aix-Marseille, Lione, Lille, Tolosa, Saint-Étienne, Rouen, Grenoble, Montpellier. Si tratta di circa “20 milioni” di persone in totale. L’obiettivo è “ridurre i nostri contatti più festosi” ma “continuare ad avere una vita sociale” nelle “scuole”, nelle “università” o anche nelle “associazioni”.

“Sarebbe sproporzionato ridefinire il paese” in questa fase. Questa è in sostanza la linea rossa che l’esecutivo vuole evitare a tutti i costi di attraversare. Consapevole che il Paese resta traumatizzato dalle sette settimane di reclusione imposte la scorsa primavera, Emmanuel Macron ha voluto rassicurare, ritenendo che “sarebbe sproporzionato richiudere il Paese”. Non ci sarà alcun “divieto” di guidare tra le 21:00 e le 6:00, ma una “limitazione”. Per questo, nelle prossime ore, saranno messi in circolazione certificati giustificativi a disposizione del grande pubblico. Saranno modellati su quelli che erano già in vigore durante il lockdown della scorsa primavera. Il controllo sarà rigoroso.

Leggi anche:
Nuovo record a Dubai, The Palm è la fontana più grande del mondo

Ansioso di “ridurre i contatti privati, che sono i contatti più pericolosi, vale a dire i momenti in cui c’è un po ‘di relax”, Emmanuel Macron ha confermato che chi viola il coprifuoco sarà soggetto a una multa di 135 euro. Questa è chiamata “bolla sociale”. In tutto il Paese, il Capo dello Stato ha chiesto di “non essere più di sei a tavola” in un ambiente privato – a casa e nei ristoranti – ma anche per strada, in gruppo. Una “regola del sei” che ha sviluppato sul modello di quella enunciata dal primo ministro britannico Boris Johnson. Tuttavia, ha indicato un’eccezione per le famiglie numerose. “Se siamo una famiglia di 7, 8, 9, 10, continuiamo ad avere una vita familiare normale”, ha detto.

I viaggi tra le regioni non saranno limitati. Anche durante le vacanze di Ognissanti, che iniziano questo fine settimana. “Non stiamo impedendo alle persone di spostarsi da una regione all’altra o di andare in vacanza, ma chiederemo loro di rispettare le regole sulla cittadinanza nelle prossime settimane”, ha detto Emmanuel Macron. Il presidente ha ribadito il suo desiderio di “responsabilizzare” i francesi, piuttosto che “infantilizzarli”. Il coprifuoco si tradurrà in “nessuna restrizione ai trasporti pubblici” nelle aree metropolitane interessate, ha detto il capo dello stato. La fornitura di trasporto non dovrebbe quindi essere ridotta rispetto a una situazione normale.

“Ci sono persone che continueranno a lavorare di notte, la sera o la mattina presto, e devono esserci dei viaggi per buone ragioni”, ha spiegato. Il telelavoro può essere una delle risposte alla crisi. L’esecutivo quindi “incoraggerà le persone” a ricorrere ad esso “due o tre giorni alla settimana”, nei “lavori dove è rilevante”, al fine di limitare il contatto fisico. Il Capo dello Stato, tuttavia, ha qualificato questo punto, aggiungendo che questo dispositivo dovrebbe essere implementato di concerto con le parti sociali e “in modo intelligente”. Inoltre, non è prevista la chiusura dei servizi pubblici o degli uffici postali.

Leggi anche:
Covid-19, Francia estende coprifuoco dopo il boom di nuovi casi

Emmanuel Macron ha subito voluto sottolineare l’equilibrio da mantenere di fronte alla situazione di salute, che ha definito “preoccupante”. “Non abbiamo perso il controllo”, ha detto il Capo dello Stato, di fronte alla “seconda ondata” dell’epidemia. “Questo virus è pericoloso e grave per tutti. Ora, oggi è entrato in una fase in cui, di fatto, bisogna reagire “, ha insistito, sottolineando che” il virus sta ricominciando “. Nessuno è fuori pericolo. Mentre “la metà” dei pazienti attualmente in terapia intensiva “ha meno di 65 anni”, Emmanuel Macron ha ricordato che il virus “colpisce tutte le categorie di età”.

Soprattutto, ha indicato che il Covid-19 lascia conseguenze “che non comprendiamo appieno”. Anche se sono guariti, alcuni pazienti hanno effettivamente “perso l’olfatto, il gusto” e “avranno lesioni ai polmoni, a volte cardiache, gastriche e altre conseguenze cerebrali”. “Dovreno convivere col virus sino all’estate 2021” “Prova, allerta, proteggi”. Il Capo dello Stato ha evidenziato la strategia del governo per rallentare la diffusione del virus. “Questa è la chiave della strategia che dobbiamo lanciare per tutto il mese di novembre e dicembre, perché abbiamo almeno fino all’estate del 2021” da convivere con il Covid-19.

Emmanuel Macron ha promesso una nuova “strategia” per “ridurre drasticamente i ritardi” dei test di screening, annunciando lo sviluppo dei “test antigeni”. “Riconosciuti dall’Organizzazione mondiale della sanità”, consentono di ottenere un risultato “in 15-20 minuti”. “Non appena abbiamo un’esitazione, che siamo in contatto, che siamo sintomatici o che abbiamo un dubbio, possiamo essere testati”, soprattutto “in farmacia”. “Sarà un vero cambiamento”, ha detto. Il presidente francese ha anche annunciato il varo di una nuova app di tracciamento. “StopCovid” è morto, lunga vita a “All anti-Covid”. Emmanuel Macron ha annunciato che il 22 ottobre sarà presentata una “nuova applicazione”.

Leggi anche:
Ministero Salute: 7.625 focolai, aumentano quelli a scuola

Progettato per essere più facile da capire e da usare rispetto al vecchio, fornirà informazioni sul virus, sulla sua circolazione e sui centri di test nelle vicinanze. Dovrebbe essere attivata in particolare nei “momenti in cui (si è) esposti” al virus. “È uno strumento per allertare, rintracciare e quindi identificare meglio le fonti di contaminazione”, ha affermato il presidente. Emmanuel Macron ha annunciato che lo Stato “aiuterà il più possibile” le aziende e i settori più colpiti dal coprifuoco. “Miglioreremo la risposta economica a questi professionisti”, con “meccanismi di sostegno aggiuntivi” nelle aree metropolitane interessate, ha detto, senza entrare nei dettagli. Il fondo di solidarietà potrebbe tuttavia essere rafforzato. “Non voglio che i nostri indipendenti, le nostre piccolissime imprese, le nostre PMI chiudano o finiscano in bancarotta a causa di questo coprifuoco”, ha assicurato.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti