Coronavirus, terza vittima cinese. Xi: “fermare” il contagi. Un caso in Sudcorea. Schizza il business delle mascherine

Loading the player...
20 gennaio 2020

Si allarga il focolaio della misteriosa malattia polmonare che circola in Cina e allo stesso tempo le azioni di aziende farmaceutiche e produttrici di mascherine protettive cinesi salgono alle stelle. Le autorità sanitarie del Paese asiatico hanno confermato nel weekend 136 nuovi casi, compresa una terza morte causata dal nuovo coronavirus che da Wuhan si sta diffondendo anche in altre città. L’infezione è arrivata nella capitale Pechino, con due contagiati nel distretto meridionale di Daxing, e a Shenzhen vicino al confine con Hong Kong, con un caso segnalato. Tutte e tre i pazienti di Pechino e Shenzhen erano stati a Wuhan, dove si concentrano i tre decessi. Finora, secondo la Commissione sanitaria municipale della metropoli, 25 malati sono stati dimessi su un totale di 198 registrati da dicembre. L’infezione ha colpito anche in Thailandia e in Giappone, e desta sempre più preoccupazioni soprattutto in vista dei maxi spostamenti attesi per il Capodanno cinese.

Ma una buona notizia arriva proprioa dalla Thailandia dove la prima paziente ricoverata per il coronavirus, e’ stata dimessa ed e’ tornata in Cina. Lo riferisce l’emittente televisiva statale China Central Television che cita le autorita’ sanitarie thailandesi. Il caso era quello di una turista cinese di 61 anni, giunta a Bangkok da Wuhan, la citta’ della Cina interna dove si e’ diffusa l’epidemia il mese scorso: la donna era arrivata in Thailandia l’8 gennaio scorso, quando e’ stata ricoverata in quarantena. Gia’ la settimana scorsa, secondo quanto riferito dal ministro della Sanita’ thailandese, Anutin Charnvirakul, la paziente non presentava piu’ sintomi della malattia, ne’ febbre, e la sua dimissione dall’ospedale veniva data per imminente.

L’agente patogeno ritenuto responsabile della malattia respiratoria appartiene alla stessa famiglia di Sars (sindrome respiratoria acuta grave) e Mers (sindrome respiratoria mediorientale). Ieri la National Health Commission ha precisato che gli scienziati non hanno ancora chiarito né la fonte del nuovo coronavirus né i meccanismi di trasmissione. Al momento, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha escluso un contagio diretto fra persone. Intanto, il presidente cinese Xi Jinping ha dato oggi l’ordine di mobilitare il Paese per fermare “ad ogni costo” la diffusione del misterioso virus simile alla Sars che ha ucciso tre persone in Cina da dicembre e ha iniziato a contagiare gli Stati vicini. Secondo la televisione nazionale, citata da Le Figaro, il numero uno cinese “ha dato importanti istruzioni riguardo all’epidemia di polmonite causata da un nuovo coronavirus per fermare la diffusione dell’epidemia”.

Leggi anche:
Usa 2020, netta vittoria di Sanders alle primarie in Nevada

E come detto, le azioni di aziende farmaceutiche e produttrici di mascherine protettive cinesi salgono alle stelle dopo gli incrementi dei casi di polmonite causati da un nuovo ceppo di coronavirus, registrati a partire da dicembre. Un importante indice azionario locale che segue principalmente le aziende sanitarie ha chiuso ai massimi livelli in tre anni, riporta la Cnn. L’indice dei prezzi ChiNext è salito del 2,6%, al suo massimo da gennaio 2017. Più di una dozzina di aziende farmaceutiche quotate a Shanghai e Shenzhen sono aumentate del 10%, l’importo massimo giornaliero consentito. Anche Tianjin Teda, che produce mascherine utilizzate anche per proteggere dalla trasmissione di malattie, è cresciuta del 10% a Shenzhen. Jiangsu Bioperfectus Technologies, una società che ha recentemente affermato di aver creato un kit di test che potrebbe consentire agli ospedali di rilevare meglio il virus, è balzata del 20% sul mercato cinese.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti