Covid-19, Oms: “Le condizioni sono ideali per far emergere più varianti”

Covid-19, Oms: “Le condizioni sono ideali per far emergere più varianti”
24 gennaio 2022

Sono oltre 80 milioni i contagi da variante Omicron del Covid-19 registrati nel mondo, più di tutti i casi segnalati in tutto il 2020 e il dato, ammonisce l’Organizzazione mondiale per la Sanità (Oms) può farci sperare ma non deve portarci a pensare che l’emergenza sia finita. “Le condizioni sono ideali per far emergere più varianti”, ha detto il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, esortando tutti i Paesi a collaborare per porre fine alla fase acuta della pandemia, che “sta entrando nel suo terzo anno e siamo in un momento critico. La velocità con cui si diffonde Omicron, variante meno aggressiva, sta alimentando le speranze che si stia imboccando la via verso la fine della crisi.

Strette e aperture

Intanto in Francia, dove pur la curva dei contagi sembra iniziare a scendere dopo la media di 360mila nuovi casi al giorno la settimana scorsa, da oggi è in vigore il pass vaccinale per entrare in bar, ristoranti, e salire su treni e aerei. Non basterà un test negativo ma la prova della vaccinazione contro il coronavirus per accedere alle attività del tempo libero, ad alcuni eventi di lavoro e ai viaggi a lunga distanza. In Gran Bretagna, invece, si pensa a un allentamento delle misure. Il primo ministro Boris Johnson ha annunciato oggi di voler modificare le regole sui test per i viaggiatori stranieri vaccinati. “Anche se dobbiamo essere cauti, ora che stiamo superando l’ondata Omicron, per dimostrare che questo Paese è aperto agli affari, aperto ai viaggiatori, faremo dei cambiamenti in modo che le persone che arrivano non debbano più fare i test se sono state vaccinate due volte”, ha spiegato Johnson ai giornalisti.

Leggi anche:
Toti interrogato 9 ore dai pm: "Ho sempre perseguito l'interesse pubblico"

Cina, allarme pre-olimpiadi

In Cina, intanto, la politica ‘zero-Covid’ è messa alla prova dall’avvicinarsi delle Olimpiadi invernali di Pechino. Il Comitato organizzatore ha annunciato che altre sei persone sono risultate positive al Covid-19: il totale dei contagi legati ai Giochi è così salito a 78 da inizio gennaio. In particolare, quattro dei sei nuovi contagi sono stati rilevati direttamente in aeroporto. Si tratta di una persona appartenente alla categoria “atleti e team” e di tre membri del personale legato all’evento. A Xian è terminato intanto il lungo lockdown scattato un mese fa per contenere un focolaio locale che ha finito per contagiare oltre 2.100 persone. Il mese di confinamento è il più lungo ed esteso periodo di isolamento ordinato in Cina dalla quarantena di Wuhan, primo epicentro della pandemia, da gennaio ad aprile 2020.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti