Cresce minaccia terrorismo, Meloni chiude la rotta balcanica

Cresce minaccia terrorismo, Meloni chiude la rotta balcanica
Giorgia Meloni
18 ottobre 2023

La decisione l’ha presa in prima persona la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e oggi è stata comunicata ufficialmente: dopo gli ultimi atti di terrorismo in Francia e Belgio l’Italia chiude la “rotta balcanica”, ripristinando i controlli al confine con la Slovenia. La premier, parlando la settimana scorsa a Maputo in Mozambico, aveva in qualche modo anticipato la sua determinazione. Pur non essendoci un “livello particolare di allerta in Italia”, aveva detto venerdì, è necessario fare “alcune valutazioni sul controllo di chi arriva da fuori, in particolare dalla rotta balcanica”.

Dunque Meloni, viene spiegato, appena rientrata dalla missione in Africa, ha chiamato il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, chiedendogli di procedere. Oggi il titolare del Viminale – con procedura d’urgenza – ha comunicato la decisione al suo omologo sloveno Bostjan Poklukar e informato la vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas, il commissario europeo agli Affari interni Ylva Johansson, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, il segretario generale del Consiglio dell`Unione europea Thérèse Blanchet e i ministri dell`Interno degli Stati membri Ue e dei Paesi associati Schengen.

 

140 mila arrivi quest’anno

 

Secondo l’Italia, riferisce Palazzo Chigi, “l’intensificarsi dei focolai di crisi ai confini dell`Europa, in particolare dopo l`attacco condotto nei confronti di Israele, ha aumentato il livello di minaccia di azioni violente anche all`interno dell`Unione” e per l’Italia il quadro è “ulteriormente aggravato dalla costante pressione migratoria” via mare (140 mila arrivi quest’anno) e via terra. In particolare, dalla rotta est, nel solo Friuli Venezia Giulia dall`inizio dell`anno sono state individuate 16 mila persone entrate irregolarmente sul territorio nazionale. Il Comitato di analisi strategica anti-terrorismo istituito del Viminale ha confermato la necessità di un “ulteriore rafforzamento delle misure di prevenzione e controllo”, considerato che “le misure di polizia alla frontiera italo-slovena non risultano adeguate a garantire la sicurezza richiesta”.

Leggi anche:
Meloni "argina" Salvini su Ucraina e promuove Biden: 'L'ho visto bene'

 

“Gravi rischi” alla sicurezza

 

La misura verrà attuata dal 21 ottobre per un periodo di 10 giorni, che saranno però prorogabili (fino a un massimo di sei mesi) sulla base delle valutazioni che saranno fatte. I controlli, garantisce Palazzo Chigi, saranno attuati in modo da “garantire la proporzionalità della misura, adattate alla minaccia e calibrate per causare il minor impatto possibile sulla circolazione transfrontaliera e sul traffico merci”. Proprio ieri sera, intervenendo al Consiglio europeo da remoto, Meloni aveva sollecitato Bruxelles e i partner europei a superare le “titubanze” nella lotta all’immigrazione clandestina che può portare “gravi rischi” alla sicurezza. Lo dimostra, secondo la presidente del Consiglio, il fatto che l’attentatore di Bruxelles era arrivato nel 2011 a Lampedusa, così come era successo anche in passato (il riferimento è all’attentato di Nizza del 2020).

Intanto la premier continua i contatti per cercare di favorire una soluzione pacifica della crisi in Medio Oriente. Questa mattina, esprimendo il cordoglio per la strage dell’ospedale di Gaza, ha rinnovato “il nostro impegno per proteggere la popolazione civile, risolvere i problemi umanitari più urgenti e assicurare una veloce soluzione di questa crisi”. Vista anche la situazione, Meloni ha cancellato la visita di domani a Trento e Bolzano, mentre resta in stand by l’ipotesi di una missione in Israele. E’ poi stata invitata a partecipare al summit sulla crisi in Medio Oriente organizzato sabato prossimo in Egitto, ma su questo una valutazione è ancora in corso.

Leggi anche:
Corsa alla rielezione, la cruciale campagna di Biden in Michigan e le ombre sulla sua salute
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti