Cybersicurezza, maggiori poteri al ministero di Giustizia

Cybersicurezza, maggiori poteri al ministero di Giustizia
9 maggio 2024

La Commissione Giustizia della Camera ha dato il via libera all’emendamento presentato dal deputato di Azione, Enrico Costa, al testo sul disegno di legge delega sulla cybersicurezza. L’emendamento conferisce agli Ispettori del Ministero della Giustizia la facoltà di effettuare controlli sull’accesso alle banche dati.

Maggiori controlli per una maggiore sicurezza

L’obiettivo dichiarato è quello di rafforzare la sicurezza informatica del Paese, contrastando in modo più efficace le minacce cibernetiche. Con il nuovo emendamento, gli Ispettori del Ministero avranno il potere di verificare che l’accesso alle banche dati avvenga in modo legittimo e conforme alle normative vigenti. Un modo per prevenire accessi non autorizzati e furti di dati sensibili.

Polemiche e dubbi

L’approvazione dell’emendamento non è stata esente da polemiche. Il capogruppo del PD in Commissione Giustizia della Camera, Federico Gianassi, ha espresso dubbi sulla pericolosità di questa misura, paventando un possibile aumento della burocrazia e un ostacolo all’efficienza del lavoro degli uffici giudiziari.

Il Ddl prosegue il suo iter

Nonostante le critiche, l’emendamento Costa è stato approvato e il Ddl proseguirà il suo iter parlamentare. Si attende ora il passaggio al Senato, dove il testo sarà nuovamente esaminato e discusso. L’approvazione di questo emendamento rappresenta un passo importante nel processo di rafforzamento della cybersicurezza nazionale.

È fondamentale che cittadini e aziende siano sempre più consapevoli dei rischi connessi all’utilizzo delle tecnologie informatiche e adottino adeguate misure di protezione. L’iter del Ddl sulla cybersicurezza è ancora in corso, ma l’approvazione dell’emendamento Costa rappresenta un segnale positivo nella direzione di una maggiore tutela della sicurezza informatica del Paese.

Leggi anche:
Tajani: l'Italia pronta a riconoscere lo Stato di Palestina, ma con condizioni
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti