Diabete: sistema flash monitoraggio glicemia aiuta pazienti e Ssn

Diabete: sistema flash monitoraggio glicemia aiuta pazienti e Ssn
17 maggio 2021

Un dispositivo che monitora in tempo reale la glicemia per una migliore gestione del diabete da parte del paziente e una riduzione dei costi per il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). E’ il sistema Flash Glucose Monitoring grazie al quale si stima un risparmio in media di 1.600 euro l’anno per paziente, passando da una spesa annua di 7.153 euro a una di 5.533 euro: circa il 23% della spesa media annua per paziente. È quanto emerso da un progetto di ricerca condotto da VIHTALI – Value in Health Technology and Academy for Leadership and Innovation (spin off dell`Università Cattolica, Campus di Roma) – in collaborazione con l`Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana e promosso da Abbott, intitolato “Definizione delle strategie di creazione del valore nell`utilizzo del sistema Flash Glucose Monitoring e dei servizi correlati”. Presentato nel corso del Policy Webinar “La gestione value-based della persona con diabete attraverso l`utilizzo di strumenti di monitoraggio innovativi”, promosso da VIHTALI, il progetto è volto a stimare l`impatto economico e gli esiti di salute ottenibili grazie all`utilizzo delle tecnologie innovative per il monitoraggio del diabete e ha analizzato le potenziali ricadute economiche dell`uso del sistema Flash Glucose Monitoring in un contesto realistico, su persone con diabete in trattamento insulinico multi-iniettivo in Regione Toscana.

“I pazienti con diabete in trattamento insulinico che utilizzano il sistema Flash Glucose Monitoring – ha spiegato Andrea Giaccari, Responsabile Centro Malattie Endocrine e Metaboliche Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e professore del Dipartimento di Medicina e chirurgia traslazionale dell`Università Cattolica che ha preso parte al progetto – sono seguiti meglio, hanno migliori esiti di salute e costituiscono una voce di spesa inferiore per il SSN nella gestione della loro malattia”. Lo studio ha esaminato alcuni esiti di salute, l`aderenza alle linee guida, i ricoveri in ospedale e gli accessi in pronto soccorso di tutte le persone con il sistema Flash Glucose Monitoring di alcune province Toscane (610 persone) confrontate con eguale numero di persone, comparabili per età e fragilità, con identica terapia per il diabete ma senza il sistema Flash Glucose Monitoring. Anche se lo studio non ha potuto analizzare i parametri clinici (come emoglobina glicosilata o presenza di complicanze), ha osottolineato il professor Giaccari, ha però permesso di raccogliere e confrontare gli esiti più importanti delle due popolazioni, come i ricoveri in Ospedale e gli accessi in Pronto Soccorso, ma anche i costi per farmaci e l`aderenza alle linee guida.

Con risultati inattesi, ha osservato Mario Braga, Direttore Generale dell`ARS Toscana: le persone con il sistema Flash Glucose Monitoring, ad esempio, hanno avuto un tasso di ricoveri ordinari in Ospedale inferiore per oltre il 30% in un anno, ma anche un sesto in meno degli accessi in Pronto Soccorso. Inoltre, i pazienti con dispositivo incidono in modo minore su altre voci di spesa: il costo dei farmaci ad erogazione diretta risulta quasi dimezzato (885 vs 1408 euro), si riduce anche il costo dei farmaci ad erogazione indiretta (757 vs 851), ma soprattutto la spesa territoriale (1988 vs 2537), ha aggiunto Paolo Francesconi, Direttore del Settore Sanitario dell`Osservatorio di Epidemiologia dell`ARS Toscana. “È chiaro che si tratta di uno studio retrospettivo – ha detto Giaccari – quindi non può dimostrare un rapporto di causa-effetto. Lo studio, però, suggerisce fortemente che una maggiore consapevolezza della malattia, unitamente all`uso del sistema Flash Glucose Monitoring, si associa ad un significativo guadagno di salute”. “E correla anche con un guadagno economico – ha precisato Alessandro Campana, Responsabile VIHTALI del Progetto -: il costo del dispositivo (circa 70 euro al mese) è di gran lunga inferiore ai risparmi associati al suo utilizzo”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti