Dl superbonus, a studio soluzione per crediti che scadono il 31 marzo

Dl superbonus, a studio soluzione per crediti che scadono il 31 marzo
7 marzo 2023

Si profila una soluzione per sbloccare i crediti fiscali derivanti dai bonus edilizi, maturati nel 2022 e che rischiano di scadere se non vengono ceduti alla banca entro il 31 marzo prossimo. La possibile via di uscita, come ha spiegato il relatore del decreto legge all’esame della Camera, Andrea De Bertoldi (FdI) sarebbe quella considerare come ceduti entro i termini i crediti per i quali sia stata semplicemente presentata istanza alla banca.

Questa possibilità è ora prevista in un emendamento al decreto presentato da Fratelli d’Italia, emendamento che potrebbe essere fatto proprio dal relatore. La copertura normativa sarebbe assicurata dalla pubblicazione da parte del Ministero dell’economia di un cosiddetto ‘comunicato legge’ in cui si annuncia parere favorevole a questo intervento, che potrebbe diventare subito operativo anticipando la conversione in legge del decreto. Subito dopo l’Agenzia delle Entrate attiverebbe la piattaforma per l’iscrizione del credito.

Come soluzione generale per i crediti incagliati, si rafforza l’ipotesi di ricorrere alla compensazione dei crediti con gli F24 affidati dai contribuenti alle banche. Su questa strada sono stati presentati emendamenti dai vari gruppi parlamentari e si potrebbe trovare una sintesi attraverso un emendamento del relatore che raccoglierebbe anche le istanza del governo.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it
Leggi anche:
Sciopero venerdì 23 febbraio: coinvolti trasporti, scuole, uffici pubblici e fabbriche


Commenti