Due miliardi all’Epf, l’Europa rafforza il fondo per le armi all’Ucraina

Due miliardi all’Epf, l’Europa rafforza il fondo per le armi all’Ucraina
12 dicembre 2022

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno accettato di integrare con 2 miliardi di euro l’European Peace Facility (EPF, Strumento europeo per la pace), il fondo utilizzato per finanziare l’assistenza militare all’Ucraina, ha annunciato oggi il capo della diplomazia europea Josep Borrell. “Oggi stiamo aumentando il tetto finanziario dell’European Peace Facility di 2 miliardi di euro nel 2023”, ha confermato su Twitter, aggiungendo che su questo dossier i ministri degli Esteri dell’Ue riuniti a Bruxelles hanno raggiunto un “accordo politico”. “L’accordo sarà formalizzato all’inizio del 2023” con una modifica della decisione sulla Facility, e prevede “la possibilità di un ulteriore incremento, in seguito”, ha spiegato Borrell, sottolineando che così “l’aumento totale del tetto finanziario complessivo della EPF fino al 2027 potrebbe raggiungere i 5,5 miliardi di euro”. “La decisione odierna ci garantirà i fondi necessari per continuare a fornire un sostegno militare concreto alle forze armate dei nostri partner”, ha affermato l’alto rappresentante Ue per la Politica estera e di Sicurezza.

Descritto da Borrell come un “montepremi” costituito dagli Stati membri al di fuori del bilancio comune dell’Ue e integrato dai loro contributi, lo European Peace Facility era stato dotato di 5,7 miliardi di euro per il periodo 2021-2027 per finanziare azioni operative nell’ambito la politica estera e di sicurezza comune (PESC). È stato utilizzato poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina per finanziare le forniture di armi richieste da Kiev. Circa 3,1 miliardi di euro sono già stati erogati per rimborsare gli Stati membri per gli armamenti e le munizioni prelevati dalle loro scorte e forniti alle forze armate ucraine. Il Fondo è stato utilizzato anche per programmi di addestramento militare in Mozambico, Georgia, Moldavia, Mali, Somalia, Niger, Bosnia-Erzegovina, Libano e Mauritania.

Leggi anche:
Meloni ribattezza 'Gli appunti di Giorgia': "Vera TeleMeloni è questa"

“L’86% del massimale finanziario complessivo per il 2021-2027 è già stato impegnato nel 2022, il che ha reso necessario un primo aumento”, hanno spiegato i servizi di Josep Borrell. “Le richieste di rimborso presentate dagli Stati membri per le loro forniture di armi all’Ucraina ammontano attualmente a 5 miliardi di euro, e per questo è stato necessario aumentare il budget dello European Peace Facility”, ha spiegato un funzionario europeo. Tuttavia, la decisione di aggiungere 2 miliardi “non consentirà di finanziare nuove forniture di armi con lo strumento, ma di rimborsare gli Stati dell’Ue per le armi che hanno già consegnato”, ha aggiunto lo stesso funzionario Ue. Tenendo conto delle forniture bilaterali – aiuti militari concessi dagli Stati tramite i loro bilanci nazionali -, il sostegno militare dei Paesi membri dell’Ue all’Ucraina ammonta a quasi 9 miliardi di euro, ha affermato Borrell.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti