Elly Schlein lavora a liste, tensione ipotesi Tarquinio

Elly Schlein lavora a liste, tensione ipotesi Tarquinio
Elly Schlein
29 marzo 2024

L’incontro con Stefano Bonaccini ha solo avviato il lavoro sulle liste, Elly Schlein dovrà rivedere a breve il presidente Pd – quasi certamente candidato nel nord-est – ma in generale il lavoro delle prossime due settimane sarà particolarmente impegnativo. Le candidature verranno varate dalla direzione che si terrà intorno a metà aprile e sono ancora parecchie le questioni da mettere a punto. Lo dimostra il dibattito che è scoppiato sull’ipotesi di candidare Marco Tarquinio, l’ex direttore di Avvenire, sostenitore di una linea ‘no alle armi a Kiev’ che allarma l’ala riformista. D’altro canto, l’idea della segretaria di “aprire” il Pd alle candidature esterne deve essere bilanciata con la richiesta di tutti i dirigenti Pd di dare adeguato spazio agli uomini di partito. Perché la leader dem ha in testa un’idea chiara, descritta anche in tv due sere fa: le liste del Pd devono essere “aperte” e al tempo stesso valorizzare le più importanti personalità del Pd.

La Schlein aveva in mente cinque capilista della società civile, preferibilmente donne, seguiti da esponenti Pd di primo piano, secondo lo schema già fissato per il sud dove la numero uno sarà Lucia Annunziata, seguita dal sindaco di Bari Antonio Decaro. Una impostazione che però ha suscitato qualche perplessità persino nell’ala sinistra del partito che la sostiene, perché se il capolista viene dalla società civile, il numero due è magari un sindaco o un presidente di regione – da Gori a Bonaccini – e la terza in lista è la segretaria, gli altri candidati rischiano di avere davvero poche possibilità di essere eletti. Un pensiero che Pina Picierno espone in maniera esplicita: “La questione delle liste nel nostro partito è iniziata in modo un po’ scomposto, non siamo certo l’Isola dei famosi e non siamo neanche in un contest televisivo. Il Partito democratico si è tenuto in piedi in questi anni grazie alla forza di tutti i nostri militanti, ritengo sia giusto ascoltare quello che pensano”.

Leggi anche:
Europee, depositati 29 simboli. Mancano ancora Fi e Pd

Per questo, durante la segreteria di due giorni fa, più d’uno ha suggerito uno schema variabile: si valuti circoscrizione per circoscrizione la collocazione dei candidati della società civile e la segretaria, se decide di essere in campo, sia capolista. Lo stesso Bonaccini, riferiscono diversi esponenti della minoranza, accetterebbe poco volentieri di fare da numero due ad Annalisa Corrado nel nord-est. Un ragionamento emerso anche durante l’incontro di ieri tra la Schlein e i segretari regionali, il mix tra società civile e esponenti Pd deve avere un “giusto equilibrio”, è stata la richiesta. La minoranza, poi, chiede di misurare bene le candidature come quella di Tarquinio e di Cecilia Strada. Il Pd finora ha sempre detto sì all’invio di armi all’Ucraina, la stessa Schlein non ha mai esitato su questo punto, e il manifesto Pse approvato a inizio marzo a Roma prevede un “impegno a investire nell’industria della difesa europea”. Lia Quartapelle dice chiaramente qual è il punto: “Se si vuole imporre un cambiamento di rotta politica, lo si faccia apertamente, con una discussione esplicita negli organismi di partito deputati, non con le candidature”.

Risponde la sinistra Pd, difendendo la candidatura dell’ex direttore di Avvenire: “A me sembra che questa discussione sia un po’ da matti”, dice Andrea Orlando. Dire no alla sua candidatura “sarebbe una rottura con il mondo cattolico. Ed è strano che si debba segnalare questa cosa proprio alle parti del partito che tempo pongono la questione del rapporto con quel mondo”. E anche Goffredo Bettini usa parole simili: l’ipotesi di una candidatura Tarquinio “è una gran bella notizia. Dobbiamo fare di tutto per confermarla. Il Pd deve allargarsi, soprattutto in direzione di un dialogo con il mondo cattolico e cristiano”. Discussione dalla quale la segretaria si tiene lontana. La leader Pd, spiega un parlamentare a lei vicino, “è impegnata per costruire l’alternativa alla destra” e non vuole alimentare un dibattito pubblico sulla composizione delle liste.

Leggi anche:
Campagna elettorale Usa, Melania Trump in campo

Ieri ha incontrato Bonaccini, rivedrà il presidente Pd a breve, ai segretari regionali ha dato appuntamento per riunioni ristrette per ciascuna singola circoscrizione elettorale. Il suo criterio è fissato: “Stiamo costruendo le liste, una squadra che metta insieme un’apertura verso la società civile. Accanto a questo le più solide figure del Pd”, ha detto da Giovanni Floris martedì sera. Del resto è lo stesso schema che ha usato appena insediata come leader del partito, varando una segreteria e organi dirigenti ricchi di “innesti” dalla società civile e da partiti esterni al Pd. Anche allora ci fu qualche malumore, ma alla fine il “mix” ebbe l’equilibrio sufficiente a evitare vere discussioni. La segretaria, ora, cercherà di replicare la stessa ricetta.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti