Exit poll, il premier conservatore Mitsotakis in vantaggio

Exit poll, il premier conservatore Mitsotakis in vantaggio
Kyriakos Mitsotakis
21 maggio 2023

In Grecia il primo ministro Kyriakos Mitsotakis e il suo partito conservatore hanno ottenuto un chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari odierne, come mostrano gli exit poll. Ma i primi dati indicano che non ha abbastanza voti per formare un governo, aumentando le probabilità di un secondo ricorso alle urne. Secondo gli exit poll diffusi dai media greci il principale rivale di Mitsotakis, il 48enne ex primo ministro Alexis Tsipras e il suo partito di sinistra Syriza, figurano al secondo posto. Secondo i sondaggi Nuova Democrazia vincerebbe tra 121 e 125 seggi nel parlamento di 300 membri, con Syriza collocata tra 86 e 89 seggi. Si prevede che un totale di sei o sette partiti supereranno la soglia di sbarramento del 3% dei voti per entrare in parlamento.

Se confermato dai risultati ufficiali, Mitsotakis avrà fino a tre giorni per cercare partner di coalizione, prima che il mandato per provare a formare un governo di coalizione venga consegnato a Tsipras. Ma il partito Nuova Democrazia di Mitostakis ha indicato che preferirebbe cercare una netta vittoria in una seconda elezione per essere in grado di governare da solo. “Abbiamo detto che vogliamo governare a titolo definitivo perché ciò garantirebbe stabilità e la via da seguire. Quindi abbiamo il diritto di chiederlo al popolo greco nelle prossime elezioni”, ha detto il ministro dell’Ordine pubblico Takis Theodorikakos alla televisione Skai poco dopo la chiusura delle urne domenica sera.

Leggi anche:
Chico Forti torna in Italia, il 65enne italiano trasferito a Rebibbia

L’elezione di domenica è la prima della Grecia da quando la sua economia ha cessato di essere sotto stretta supervisione da parte di istituti di credito internazionali che avevano fornito fondi di salvataggio durante la quasi decennale crisi finanziaria del paese. Le elezioni si sono svolte in base a una nuova legge sulla rappresentanza proporzionale, che rende particolarmente difficile per un partito ottenere un numero sufficiente di seggi parlamentari per formare da solo un governo. Al potere dal 2019, Mitsotakis ha registrato una crescita inaspettatamente elevata, un forte calo della disoccupazione e un paese vicino al ritorno all’investment grade sul mercato obbligazionario globale per la prima volta da quando ha perso l’accesso al mercato nel 2010, all’inizio della sua crisi finanziaria.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti