Garrone: il mio Pinocchio storia universale, popolare, divertente

Garrone: il mio Pinocchio storia universale, popolare, divertente
13 dicembre 2019

Matteo Garrone rilegge il capolavoro di Collodi e porta al cinema con il suo “Pinocchio” un racconto popolare, divertente, ricco, dotato di grande forza visiva e di grande poesia. Il film con Roberto Benigni nel ruolo di Geppetto e con Federico Ielapi, che ogni giorno si sottoponeva a tre ore di trucco per trasformarsi nel burattino di legno, uscirà nei cinema il 19 dicembre. Garrone ha creato un immaginario tutto nuovo attorno a Pinocchio, rifacendosi più ai disegni originali di Enrico Mazzanti che alle produzioni precedenti.

“Ho iniziato a disegnare Pinocchio a 6 anni, mi accompagna da allora e come regista per me era difficile resistere alla tentazione di farlo. – ha detto Garrone alla presentazione del film a Roma – Volevo che fosse popolare come il capolavoro di Collodi ma che potesse sorprendere e incantare di nuovo il pubblico”. Il regista ama questa storia per diversi motivi: “Per me è una grande storia d`amore di un padre per un figlio, che capisce l`importanza della redenzione. E poi lui è un bambino che insegue i piaceri, le tentazioni, è universale. IN realtà è una storia ricca di personaggi e immagini così italiani e al tempo stesso così universali”.

Benigni, che fa una straordinaria interpretazione di Geppetto, con il consueto entusiasmo ha detto: “Batte il cuore per un film bello così. E` un regalo per bambini dai 4 agli 80 anni” e, ironizzando, ha aggiunto: “Non ricordo chi abbia fatto l`ultimo Pinocchio in Italia, ma questo è il più bello mai visto”. Sulla figura di Pinocchio l`attore toscano ha detto: “E` universale, appartiene a tutti, alla nostra storia, fa parte della grande letteratura non solo della fiaba. Fellini apriva il libro a caso e puntava il dito, come si fa per la Bibbia“. A proposito del suo ruolo di Geppetto Benigni ha aggiunto: “Sono orgoglioso di stare in questo film, ho detto sì prima che me lo chiedessero. – ha dichiarato – Lui è il padre per eccellenza insieme a San Giuseppe, e entrambi hanno avuto figli adottivi che scappano di casa e ne combinano di tutti i colori, muoiono e risorgono”.

Leggi anche:
Coronavirus, telefoni intasati: "Tampone solo in casi precisi"

La forza del film è data dai personaggi ricreati da Garrone e dai loro interpreti: Gigi Proietti in quello di Mangiafuoco, Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini (che ha collaborato con Garrone alla sceneggiatura del film) in quello del Gatto e la Volpe, Marine Vacth in quello della fatina, ma anche gli animali antropomorfi interpretati da Maria Pia Timo, Massimiliano e Gianfranco Gallo, Davide Marotta, Teco Celio. Garrone ha spiegato: “Io avevo scritto una sceneggiatura molto fedele al testo di Collodi, poi con Massimo ci siamo resi conto che si potevano cambiare alcune cose per renderlo più divertente”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti