Gates, il miliardario che ha lanciato allerta pandemia

Gates, il miliardario che ha lanciato allerta pandemia
Bill Gates
5 maggio 2020

Colloqui e contatti con i leader di tutto il mondo, prese di posizione a fianco dell’Oms, un protagonismo finanziario e mediatico senza precedenti. Mentre il coronavirus si diffonde, uccidendo oltre 247.000 persone in tutto il mondo, il fondatore di Microsoft Bill Gates usa la sua fama e ricchezza per promuovere approcci basati sulla scienza per porre fine alla pandemia. Ha studiato malattie infettive negli ultimi 20 anni come parte del suo lavoro filantropico, e nel 2015, in un TED Talk profetico, ha messo in guardia contro una pandemia diffusa da patogeni. Da febbraio, la fondazione che gestisce con sua moglie Melissa ha donato 250 milioni per espandere i test per il coronavirus e trovare una cura per la malattia che provoca, il Covid-19. Ma il coronavirus è diverso da tutte le sfide sanitarie globali che Gates ha affrontato. Pr anni ha combattuto le minacce per la salute che incombono sui paesi in via di sviluppo, come la malaria, la poliomielite e l’HIV. Queste malattie hanno vaccini o terapie, ma nei paesi in cui rimangono una grave minaccia mancano i sistemi sanitari per consegnarli alle persone, problema che la Fondazione Gates sta cercando di risolvere. Quando si tratta di coronavirus, tuttavia, non esiste né un vaccino né una terapia.

Mentre il coronavirus affligge sia paesi ricchi sia quelli in via di sviluppo, Gates deve anche navigare tra le secche della politica americana, con una nuova sfida: promuovere messaggi che spesso cozzano contro le dichiarazioni del presidente Donald Trump, prive di basi scientifiche. In un’intervista, Gates ha sottolineato i successi passati per la salute globale degli Stati Uniti, come il sostegno del presidente George W. Bush i farmaci per affrontare l’epidemia di AIDS nell’Africa sub-sahariana vent’anni fa. Gates non ha mai criticato direttamente Trump e rimane apolitico. Ma le ricerche scientifiche che cita minano alcune delle affermazioni del presidente. La Gates Foundation, ad esempio, sta finanziando uno studio clinico sull’idrossiclorochina, il farmaco che secondo Trump, se combinato con l’azitromicina, essere ‘una delle più grandi svolte della storia della medicina’. Gates, tuttavia, si è concentrato sui dati, scrivendo in un post sul suo blog del 23 aprile che le prime indicazioni suggeriscono che ‘i benefici saranno nel migliore dei casi modesti’.

Gates ha anche preso di mira l’annuncio del presidente in aprile di sospendere i pagamenti all’Organizzazione mondiale della sanità in risposta alla gestione da parte dell’agenzia delle Nazioni Unite della pandemia di coronavirus. ‘Arrestare i finanziamenti per l’Organizzazione mondiale della sanità durante una crisi sanitaria mondiale è pericoloso esattamente come sembra’, ha twittato Gates il 14 aprile, sostenendo che nessun’altra organizzazione è in grado di sostituire l’agenzia. La Gates Foundation è il secondo donatore dell’OMS, dopo il governo degli Stati Uniti. Gates notoriamente lasciò l’università di Harvard per fondare Microsoft con il suo compagno di scuola superiore, Paul Allen. Ma è un lettore vorace, e da quando vent’anni fa ha iniziato la sua opera umanitaria, è diventato un esperto autodidatta in malattie infettive. ‘Quando spendo miliardi di dollari per qualcosa, ho la tendenza a leggere molto al riguardo’, ha detto Gates. Da quando il coronavirus è emerso per la prima volta in Cina alla fine dell’anno scorso, Gates ha divorato articoli di riviste mediche su test, trattamenti e vaccini per il virus. Ha parlato a lungo con immunologi, epidemiologi e scienziati sociali sul rallentamento della diffusione del coronavirus.

Leggi anche:
Ipotesi di suicidio per Angelo Onorato, l'analisi delle telecamere

Con un patrimonio netto di 105 miliardi di dollari, Gates è la seconda persona più ricca del mondo, secondo il Bloomberg Billionaires Index, dietro il suo vicino di casa di Seattle Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon e proprietario del Washington Post. Gates ha riversato gran parte della sua ricchezza nella fondazione che gestisce con sua moglie. È diventata una delle più grandi organizzazioni filantropiche del mondo, con una dotazione di 46,8 miliardi di dollari nel 2018. Negli ultimi due decenni, ha gradualmente abbandonato le sue responsabilità in Microsoft per concentrarsi sul lavoro umanitario. A marzo, ha rinunciato all’ultimo dei suoi titoli ufficiali di Microsoft, uscendo dal consiglio di amministrazione della società, anche se ha detto che avrebbe continuato a fornire consulenza tecnologica alla dirigenza. La fondazione di Gates si occupa tra l’altro della lotta alle malattie infettive, come la malaria e la poliomielite, che continuano a devastare il mondo in via di sviluppo. La sua fondazione ha contribuito a creare un mercato per i farmaci per quelle malattie, spesso ignorate da un’industria farmaceutica che ha un incentivo finanziario a sviluppare farmaci per le malattie comuni nei mercati più redditizi del mondo sviluppato.

La sua conoscenza delle malattie infettive lo ha portato a pronosticare nel 2015 che una pandemia a base patogena avrebbe potuto spazzare il mondo, uccidendo indiscriminatamente e distruggendo le economie. ‘Se qualcosa ucciderà oltre 10 milioni di persone nei prossimi decenni, è molto probabile che sia un virus altamente contagioso piuttosto che una guerra’, ha detto Gates in un suo famoso discorso su TED, che sembra stranamente preveggente oggi. Ha espresso preoccupazione per il fatto che i governi non abbiano investito in sistemi per fermare una pandemia nello stesso modo in cui hanno finanziato i deterrenti nucleari. Ha incoraggiato lo sviluppo di forti sistemi sanitari nei paesi poveri dove si aspettava che emergesse l’epidemia. Ha spinto per intensificare la ricerca e lo sviluppo di vaccini e apparati di test diagnostici. E ha chiesto ‘giochi di germi’, simili ai giochi di guerra, per simulare una pandemia per aiutare a identificare le carenze. ‘Dobbiamo andare avanti, perché il tempo non è dalla nostra parte’, diceva Gates nel discorso del 2015. È un problema che solleva regolarmente con i leader del governo di tutto il mondo, ma il suo avvertimento è stato in gran parte inascoltato. ‘Penso spesso ‘Potrei essere stato più persuasivo?” ha detto. La fondazione ha investito nella preparazione a una pandemia anche prima del TED Talk di Gates. I suoi dirigenti, tra cui Gates, erano preoccupati per l’impatto dell’epidemia di Ebola nel 2014 sul suo lavoro sanitario globale e hanno speso centinaia di milioni di dollari per costruire infrastrutture scientifiche che ora aiutano a rallentare la diffusione della malattia.

Leggi anche:
Papa Francesco: "C'è già troppa frociaggine". Il no del Pontefice ai seminaristi gay

Nel 2017, ha donato 279 milioni di dollari all’Institute for Health Metrics and Evaluation presso l’Università di Washington, un gruppo a cui aveva precedentemente fornito fondi. Da allora IHME ha sviluppato un modello di previsione ampiamente utilizzato per prevedere la necessità di letti ospedalieri, ventilatori e altre apparecchiature mediche in tutti i paesi del mondo. Lo stesso anno, la fondazione ha impegnato quasi 100 milioni di dollari per aiutare a lanciare la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, che ha finanziato la ricerca sperimentale sui vaccini contro il coronavirus. Il progetto di ricerca Seattle Flu Study finanziato da Gates, in corso da un anno e mezzo, tiene traccia della diffusione di malattie infettive come l’influenza. Mentre l’epidemia di coronavirus iniziava a colpire gli Stati Uniti, i ricercatori del progetto hanno testato il coronavirus anche se non era quello per cui erano certificati. Hanno trovato uno dei primi casi negli Stati Uniti in un adolescente. La missione del progetto si è evoluta nella rete di valutazione del coronavirus di Seattle, che sta conducendo test sul coronavirus con kit di campionamento con tampone automatico che non espongono gli operatori sanitari al virus. Quel test ha ora ricevuto l’approvazione per l’uso di emergenza dal Dipartimento della Salute dello Stato di Washington.

Mentre il coronavirus si diffonde, Gates è entrato nel circuito dei talk show, sostenendo approcci scientifici alla malattia. Qualche giorno fa, lui e sua moglie Melinda hanno registrato un messaggio trasmesso durante l’evento di beneficenza globale One World: Together At Home che esprimeva la speranza che un vaccino contro il virus potesse emergere entro la fine del prossimo anno. La Fondazione Gates in passato ha affrontato critiche per l’influenza smisurata che esercita in settori come la salute globale e l’educazione pubblica. Le ingenti somme che la fondazione ha destinato alle sfide sanitarie globali hanno minacciato di distorcere il modo in cui i governi affrontano tali minacce, incoraggiandoli ad adottare le sue priorità per ricevere le sue sovvenzioni. C’è un gruppo che non ama Gates: i frequentatori dei social media che promuovono teorie della cospirazione secondo cui il miliardario ha progettato la pandemia e la sta sfruttando a scopo di lucro, per instaurare una sorveglianza globale. Il suo tweet sui tagli ai finanziamenti dell’OMS ha generato un flusso di oltre 75.000 commenti, molti dei quali hanno messo in discussione le motivazioni e il patriottismo di Gates.

Leggi anche:
Hamas lancia una raffica di razzi su Tel Aviv, Israele riunisce gabinetto guerra

Alcune teorie della cospirazione sono state amplificate dal governo russo, che sta diffondendo disinformazione sul coronavirus attraverso ‘siti Web di emanazione statale’, secondo un rapporto del Dipartimento di Stato. Un articolo di inizio marzo sul sito web del canale televisivo Zvezda afferma che Gates ha avuto un ruolo nella creazione del virus. Gates, tuttavia, ha avuto da subito una finestra privilegiata sulla diffusione del virus. Le attività della fondazione in Cina hanno subito in prima persona l’impatto dello scoppio dell’epidemia, ha dichiarato Mark Suzman, attuale amministratore delegato, al Washington Post. A febbraio, la fondazione ha messo a disposizione 100 milioni di dollari per migliorare gli sforzi di individuazione, isolamento e trattamento; accelerare lo sviluppo di vaccini, farmaci e diagnostica; e per proteggere le popolazioni a rischio in Africa e in Asia meridionale. Il 15 aprile, la fondazione ha aggiunto altri 150 milioni di dollari a tale iniziativa.

Gates riconosce la necessità di spendere miliardi di dollari per sviluppare strutture per lo sviluppo e la produzione di vaccini. C’è bisogno di spendere ‘miliardi per salvare migliaia di miliardi’ ha detto. La fondazione non copre tutti i costi per lo sviluppo di vaccini, ma può fornire finanziamenti per far partire rapidamente le strutture produttive, ha detto Suzman. Mentre lo scopo della fondazione è ampio – dallo sradicamento della polio all’aumento dei tassi di scolarizzazione, Gates ora sta trascorrendo la maggior parte del suo tempo sulla pandemia, ha detto Suzman. Gli sforzi non coronavirus si sono ridotti a circa il 10-15 percento dell’attività alla fondazione. ‘Tutta la profonda conoscenza e competenza degli ultimi 20 anni sulla sanità globale è molto utile al momento attuale’, ha aggiunto. E Gates non crede più che la richiesta di prepararsi alla pandemia non sarà ascoltata. ‘Penso che questa volta la gente presterà attenzione’, ha detto Gates.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti