Gigante economico cinese traballa, per prima volta è contrazione

Gigante economico cinese traballa, per prima volta è contrazione
17 aprile 2020

Persino il Dragone. Il gigante economico cinese è rimasto fiaccato dalla pandemia di coronavirus, tanto da annunciare difficoltà di ripresa della produzione e una contrazione. La prima, in decenni. La prima da quando Pechino ha iniziato a registrare dati trimestrali all’inizio degli anni ’90. Il prodotto interno lordo si è ridotto
del 6,8 per cento nel primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “Ora stiamo affrontando una crescente pressione nella prevenzione delle infezioni epidemiche importate, nonché nuove difficoltà e sfide per riprendere il lavoro e la produzione”, ha detto il portavoce della NBS Mao Shengyong in una conferenza stampa.

Intanto la città di Wuhan ha rivisto il macabro bollettino delle vittime da coronavirus: almeno il 50% in più dei morti nell’epicentro del virus, rispetto a quanto precedentemente affermato, con i media di stato che hanno attribuito le cifre sgonfiate inizialmente a quanto il sistema sanitario fosse sopraffatto da migliaia di pazienti malati. L’aggiunta di 1.290 decessi ha portato il bilancio di Wuhan a 3.869, e ciò confermare i sospetti che le morti (e i contagi)siano molti di più nella città in cui è iniziata la malattia, rispetto a quanto precedentemente annunciato.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Coronavirus, continuano a crescere vittime e ricoveri. Sale anche tasso positività


Commenti