Governo tende mano alla Sicilia

9 agosto 2014

“I comuni siciliani, che si sono trovati a fronteggiare l’emergenza immigrazione, saranno ricompensati con delle misure adeguate alle spese che hanno sostenuto e che continuano a sostenere per l’assistenza e l’ospitalita’ dei migranti”. E’ quanto afferma il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, esprimendo soddisfazione per il provvedimento, inserito nel decreto approvato ieri dal Consiglio dei ministri, che affronta e risolve il problema delle vigenti limitazioni imposte ai Comuni per il rispetto del Patto di Stabilita’ interno. “Lo Stato dimostra cosi’ grande vicinanza al popolo siciliano che con la sua generosita’ – continua il ministro -, pur gravato dai flussi migratori che arrivano in Sicilia per la sua collocazione geografica, sa accogliere con spirito di umanita’ e non si perde d’animo”. In quest’ottica, quindi, e’ stata destinata ai Comuni di Agrigento, Augusta, Caltanissetta, Catania, Lampedusa, Mineo, Palermo, Pozzallo, Ragusa, Siculiana, Siracusa, Trapani e Porto Empedocle, una misura finanziaria che esclude dal Patto di Stabilita’ le spese sostenute da questi Comuni a tale fine. La distribuzione, tra gli Enti, di questa agevolazione sara’ effettuata nel prossimo mese di ottobre dagli Uffici del Ministero dell’Interno, tenendo conto delle spese sostenute e delle dimensioni demografiche degli stessi, in rapporto alla popolazione straniera delle cui esigenze di accoglienza si sono fatti carico.

Apprezzamenti giungono dal sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini: “Finalmente un provvedimento che riconosce gi impatti gravosi che gli sbarchi, con l’arrivo massiccio e concentrato di migliaia di persone in poche ore, significano da ormai molto tempo per Lampedusa”. Anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ritiene positivo il provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri a sostegno dei comuni siciliani che fanno fronte all’ondata migratoria proveniente dal Nord Africa. “Gli interventi del ministro Alfano e del governo – afferma il sindaco – sono un contributo per rendere piu’ efficace l’azione di solidarieta’ e accoglienza dei comuni siciliani e di Palermo”. Al coro si aggiunge il sindaco di Mineo (Catania) Anna Aloisi, la cittadina dove si trova uno dei centri di accoglienza: “Questo importante provvedimento – dice – premia i cittadini e riconosce lo sforzo delle comunita’ locali che con sentimento di umana solidarieta’ hanno accolto i migranti. Avevamo gia’ percepito il costante interesse del ministro Angelino Alfano come un’attenzione dello Stato verso il nostro servizio al Paese nell’accoglienza e nella integrazione dei migranti, ma oggi possiamo affermare con soddisfazione che gli enti locali siciliani vengono concretamente aiutati a compiere la loro missione istituzionale”.

Leggi anche:
Migranti, la Finlandia approva una controversa legge. E' polemica

Plaude anche il sottosegretario alla Politiche agricole, Giuseppe Castiglione. “Il Governo – afferma Castiglione – sta dimostrando in questo modo grande sensibilita’ al popolo siciliano che, con sforzi quotidiani, sta facendo fronte all’assistenza e all’ospitalita’ dei migranti senza mai perdersi d’animo”. “E’ un riconoscimento per tutta la Sicilia, impegnata da anni in un’encomiabile opera di solidarieta’ – aggiunge – nei confronti di coloro che attraversano il mar Mediterraneo per fuggire da guerra e poverta’, cercando salvezza sulle nostre coste”. “Speriamo ora – conclude il coordinatore Ncd – che anche le istituzioni a livello europeo siano piu’ coraggiose nel soccorso ai profughi e affrontino il dramma non con la logica dell’ indifferenza, ma della condivisione”. Lunga la lista di apprezzamenti. Il sindaco di Pozzallo (Ragusa), Luigi Ammatuna: “Desidero ringraziare il Ministro dell’Interno Angelino Alfano per aver accolto la richiesta che gli ho inoltrato in occasione della sua visita al Comune di Pozzallo, quando ho richiesto esplicitamente misure compensative per i comuni che si occupano dell’accoglienza degli immigrati”.

 

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti