Grande Oriente d’Italia audito in Antimafia. Massoni: la mafia nostra nemica

Grande Oriente d’Italia audito in Antimafia. Massoni: la mafia nostra nemica
29 luglio 2016

Il Grande Oriente d’Italia ha chiesto di essere audito in Commissione Antimafia. La richiesta, si apprende, e’ arrivata attraverso una missiva del 21 luglio in Commissione e dovrebbe essere accolta. L’audizione dovrebbe avvenire mercoledi’ prossimo e segue la visita della Commissione a Castelvetrano, il paese di Messina Denaro, effettuata per monitorare sulla commistione in provincia di Trapani tra Cosa nostra e massoneria deviata. La visita e’ avvenuta dopo l’informativa inviata dalla Procura alla Prefettura sull’elenco di alcuni consiglieri comunali iscritti nella massoneria. “Voglio che sia chiaro quali sono le finalita’ delle logge massoniche ufficiali”, scrive il Gran Maestro Stefano Bisi, alla guida dal 6 aprile 2014, manifestando la sua disponibilita’ a chiarire “le tematiche riguardanti la Massoneria regolare di cui mi pregio e mi onoro di appartenere”.

“Mafia e ‘ndrangheta e chi ne fa parte per noi sono i nemici della Liberta’, della democrazia e della Giustizia”, aggiunge Bisi ricordando poi “la dolorosa vinceda P2 che tanti danni ci ha arrecato” e che “la Massoneria e’ una Istituzione universasle che si dedica al perfezionamento dell’Uomo”. Tra l’altro la massoneria e’ chiamata in causa anche nell’inchiesta ‘Mamma Santissima’ che coinvolge il senatore Caridi. Il collaboratore di giustizia Antonino Lo Giudice ha parlato della nuova ‘ndrangheta come di “una commistione tra la vecchia struttura criminale di tipo mafiosa e la massoneria” ma gia’ nei giorni scorsi Bisi ha spiegato che “il Goi e’ stato tirato in ballo “strumentalmente”. Intanto a palazzo Madama, nonostante l’appello del presidente Grasso ad accelerare per quanto riguarda il voto in Giunta per l’arresto di Caridi, l’orientamento e’ quello di andare dopo l’estate. In Giunta dalla procura, riferiscono fonti parlamentari, e’ arrivato un dossier contenente quasi duemila pagine.

Leggi anche:
Forti scosse di terremoto tra Turchia e Siria, migliaia di morti
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti