Hamas respinge proposta di cessate il fuoco da darte di Israele

Hamas respinge proposta di cessate il fuoco da darte di Israele
23 gennaio 2024

Nell’ultima evoluzione del continuo conflitto israelo-palestinese, Hamas ha respinto una proposta israeliana di cessate il fuoco di due mesi in cambio del rilascio degli ostaggi. Un funzionario egiziano anonimo ha riferito il rifiuto all’Associated Press, affermando che Hamas ha insistito sulla non liberazione di altri ostaggi fino a quando Israele non interromperà la sua offensiva e si ritirerà dalla Striscia di Gaza.

La tregua proposta includeva anche il rilascio di detenuti palestinesi dalle carceri israeliane e l’autorizzazione per i leader di Hamas a Gaza di trasferirsi in altri Paesi. Il rifiuto da parte di Hamas giunge mentre il conflitto si intensifica, con 21 soldati israeliani uccisi in 24 ore di combattimenti a Khan Yunis, a sud di Gaza, segnando il bilancio giornaliero più pesante dall’inizio del conflitto. Le informazioni sono state comunicate dal portavoce delle IDF (Forze di difesa israeliane), Daniel Hagari. Allo stesso tempo, Stati Uniti e Regno Unito hanno condotto nuovi attacchi aerei e missilistici contro i ribelli Houthi nello Yemen in risposta ai loro raid. Inoltre, Italia, Francia e Germania, in un documento presentato al Consiglio degli Affari Esteri, hanno ribadito la necessità di una missione navale europea nel Mar Rosso.

Le forze israeliane di terra hanno completato l’accerchiamento di Khan Yunis, la principale città nel settore meridionale della Striscia di Gaza, e hanno rafforzato la propria presenza al suo interno. I portavoce delle IDF hanno rivelato che l’operazione ha coinvolto unità paracadutisti, la brigata Givati, veicoli blindati e unità di commando, puntando a quella che viene considerata una roccaforte della ‘Brigata Khan Yunis’ di Hamas. Nel corso dell’operazione, le IDF affermano di aver eliminato decine di terroristi e sequestrato magazzini d’armi. Ai residenti di sei quartieri ad ovest della città di Khan Yunis è stato chiesto di evacuare per motivi di sicurezza.

Leggi anche:
Funzione rieducativa della pena, studenti università di Palermo incontrano detenuti dell’Ucciardone

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha riconosciuto uno dei giorni più pesanti del conflitto, facendo riferimento all’esplosione che ha causato la morte di 21 soldati ad Almaazi, nel centro della Striscia di Gaza. Nonostante le perdite, Netanyahu ha affermato che Israele continuerà a combattere fino alla vittoria totale. Un’indagine sull’incidente è stata avviata dalle forze armate israeliane. L’attacco mortale è avvenuto nel campo profughi di Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza, vicino al confine, anziché, come inizialmente riportato, a Khan Yunis. Il portavoce delle IDF, Daniel Hagari, ha spiegato che i terroristi hanno lanciato un missile anticarro contro un carro armato che proteggeva i soldati, causando un’esplosione in due edifici di due piani dove si trovavano i soldati.

L’ala militare di Hamas, le Brigate Al Qassam, ha rivendicato l’attacco, dichiarando su Telegram di aver preso di mira una casa dove era asserragliata una forza ingegneristica sionista. Hanno utilizzato un missile anticarro che ha causato l’esplosione di munizioni e attrezzature tecniche, demolendo completamente la casa. Le Brigate hanno affermato che la loro squadra è tornata indietro incolume. Mentre il conflitto entra nel suo 109° giorno, Hamas riporta 25.490 vittime palestinesi, con il 70% donne o bambini, secondo le cifre dell’ONU dall’18 gennaio. Le agenzie di intelligence degli Stati Uniti stimano che le forze di sicurezza israeliane abbiano eliminato solo il 20-30% dei militanti di Hamas al 21 gennaio. In Israele, sono stati segnalati 1.200 morti nell’attacco dell’7 ottobre.

Leggi anche:
Trovato morto il marito dell'eurodeputata Francesca Donato

Infine, il Knesset, il parlamento israeliano, ha subito una interruzione a causa dell’irruzione dei parenti degli ostaggi, portando a procedimenti interrotti. A Khan Yunis, almeno 50 persone sono morte a seguito di un attacco israeliano, con altre 100 ferite. Le Nazioni Unite hanno accusato Israele di ostacolare le missioni umanitarie nel nord di Gaza. Una ex ostaggio ha raccontato esperienze scioccanti, descrivendo casi di donne vestite come bambole che sono state stuprate e uomini sottoposti a violenze.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti