Il Covid-19 non frena le spese militari a livello mondiale, 2 mila miliardi nel 2020

Il Covid-19 non frena le spese militari a livello mondiale, 2 mila miliardi nel 2020
26 aprile 2021

Le spese militari a livello mondiale sono aumentate del 2,6% nel 2020 raggiungendo quasi 2.000 miliardi di dollari (1.650 miliardi di euro), nonostante la pandemia globale di coronavirus e la recessione economica. A causa del calo globale del prodotto interno lordo (PIL), il cosiddetto onere militare – la spesa militare in percentuale rispetto al Pil – è salito a una media del 2,4%, dal 2,2% del 2019, il più grande aumento annuo dalla crisi finanziaria del 2009, secondo un rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) pubblicato oggi. Cinque paesi nel mondo – Stati Uniti, Cina, India, Russia e Regno Unito – rappresentano il 62% di tutte le spese militari. Alcuni Stati come il Cile e la Corea del Sud, invece, hanno reindirizzato i fondi dalle spese militari pianificate dai loro governi ai programmi di risposta alla pandemia. Anche il Brasile e la Russia hanno speso molto meno di quanto i loro budget militari iniziali per il 2020 avevano previsto, ha comunque riferito il Sipri.

La spesa militare di Pechino è cresciuta per il 26esimo anno consecutivo. Tuttavia, la spesa militare del paese più popoloso del mondo è ancora inferiore alla più grande spesa militare del mondo, quella degli Stati Uniti, che nel 2020 è aumentata del 4,4% rispetto al 2019, raggiungendo circa 778 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti hanno rappresentato, da soli, il 39% della spesa militare globale.
Sotto l’ex presidente Donald Trump, d’altra parte, la spesa è aumentata per tre anni consecutivi dopo sette anni di riduzioni. “I recenti aumenti delle spese militari statunitensi possono essere principalmente attribuiti a ingenti investimenti in ricerca e sviluppo, e diversi progetti a lungo termine come la modernizzazione dell’arsenale nucleare statunitense e l’approvvigionamento di armi su larga scala”, ha affermato Alexandra Marksteiner, ricercatrice di Sipri’s Arms e programma di spesa militare. “Ciò riflette le crescenti preoccupazioni sulle minacce percepite da concorrenti strategici come Cina e Russia, così come la spinta dell’amministrazione Trump a rafforzare quello che vedeva come un esercito statunitense impoverito”, ha aggiunto Marksteiner.

Leggi anche:
Draghi tira dritto su Nato e armi all'Ucraina. Su Craxi M5s evoca crisi, Palazzo Chigi orecchie da mercante

La Germania ha aumentato la sua spesa del 5,2% fino a un totale di 52,8 miliardi di dollari nel 2020, diventando così la settima più grande spesa militare al mondo. Il budget del paese per il 2020 ha rappresentato un aumento del 28% rispetto al 2011. D’altro canto la spesa militare è aumentata in tutta Europa, in una percentuale che il Sipri ha calcolato del 4%. Mentre 12 paesi membri della Nato hanno raggiunto il loro obiettivo di spesa del 2% del Pil, rispetto ai soli nove membri nel 2019. La Francia ha raggiunto il suo obiettivo di spesa militare della Nato per la prima volta dal 2009. Il ricercatore del Sipri Lopes da Silva ha spiegato, tuttavia, che alcuni paesi probabilmente hanno raggiunto la soglia a causa di un calo del Prodotto interno lordo, più che per un aumento della spesa.

“Sebbene più membri della Nato abbiano speso più del 2% del Pil per le loro forze armate nel 2020, in alcuni casi questo probabilmente ha avuto più a che fare con le ricadute economiche della pandemia che con una decisione deliberata di raggiungere l’obiettivo di spesa dell’alleanza”, ha spiegato. In ogni caso, secondo il ricercatore, “possiamo dire con certezza che la pandemia non ha avuto un impatto significativo sulla spesa militare globale nel 2020”. “Resta da vedere se i paesi manterranno questo livello di spesa militare durante il secondo anno di pandemia”, ha concluso Da Silva. askanews

Leggi anche:
Premier Finlandia Marin da Draghi: nella Nato il prima possibile
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti