Il leone delle caverne: testimonianza millenaria della fauna europea

Il leone delle caverne: testimonianza millenaria della fauna europea
26 maggio 2024

L’ultima rappresentazione e testimonianza del leone delle caverne in Europa è stata identificata su una pietra trovata 80 anni fa nella Grotta Romanelli a Castro, Lecce. Questa immagine di un grande leone è datata a circa 12.000 anni fa, rendendola l’ultima rappresentazione conosciuta di un leone delle caverne in Europa. La scoperta è stata il risultato di uno studio interdisciplinare che ha coinvolto ricercatori di varie istituzioni, tra cui l’Università Sapienza di Roma, il CNRS, l’Université Jean-Jaurès, l’ISPC-CNR, l’Universidad Complutense de Madrid, l’Università di Milano, l’Università di Torino, l’IGAG-CNR e l’Università di Cagliari.

Il leone delle caverne, noto anche come Panthera spelaea, è una specie estinta che molto probabilmente si è evoluta in Europa dopo la terza fase interglaciale di Cromer, meno di 600.000 anni fa. Era una specie distinta geneticamente isolata dal leone moderno (Panthera leo) presente in Africa e Asia. La divergenza genetica tra le due specie è stimata tra 1,9 milioni e 600.000 anni fa. Il leone delle caverne è strettamente imparentato e probabilmente ancestrale al leone americano (Panthera atrox).

Il leone delle caverne era una delle specie di leoni più antiche, ora estinta. I resti più antichi di questa specie in Europa risalgono a circa 700.000 anni fa e sono stati trovati a Isernia. Durante l’ultimo periodo glaciale, diverse specie di leoni delle caverne, tra cui il leone delle caverne europeo, esistevano. Questi leoni erano più grandi dei leoni moderni e storici, raggiungendo circa il 25% in più di massa corporea. Circa 10.000 anni fa, probabilmente coincidendo con la scomparsa della megafauna pleistocenica e l’aumento delle temperature, i leoni scomparvero dalle regioni settentrionali.

Leggi anche:
Le emozioni si riflettono non solo sul cuore ma nello stomaco

La scoperta dell’ultima rappresentazione del leone delle caverne in Europa fornisce preziose informazioni sulle tradizioni artistiche delle ultime società di cacciatori-raccoglitori in Italia e in Europa. La pietra con l’immagine del leone è attualmente conservata presso il Museo delle Civiltà a Roma ed è stata analizzata utilizzando avanzate tecniche analitiche, rivelando ulteriori dettagli sulla tradizione artistica della Grotta Romanelli. Il leone delle caverne è stata una specie significativa che ha vagato per l’Europa durante tempi antichi, e la sua ultima rappresentazione conosciuta nella Grotta Romanelli funge da commovente testamento della sua esistenza e delle tradizioni artistiche dell’epoca.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti