Il più grande ghiacciaio alpino ha raggiunto il minimo storico

18 ottobre 2020

Ne è rimasta veramente poca. La scoperta più preoccupante di quest’anno in Svizzera è che l’accumulo di neve sul possente Aletsch – il più grande ghiacciaio delle Alpi – ha raggiunto il minimo storico. Un chiaro ed evidente segno dei cambiamenti climatici e del surriscaldamento del pianeta. Sebbene il 2020 non sia stato un anno di estremi, i ghiacciai delle Alpi svizzere sono ancora in costante declino, perdendo solo quest’anno il 2% del loro volume, secondo uno studio annuale sullo stato dei ghiacciai pubblicato dall’Associazione delle Accademie svizzere delle scienze. Ciò è in linea con la media degli ultimi 10 anni, ma i numeri sono “molto preoccupanti”. In 60 anni, infatti, i ghiacciai svizzeri hanno perso abbastanza acqua per riempire l’enorme Lago di Costanza, che si trova a cavallo del confine svizzero-tedesco-austriaco.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it
Leggi anche:
Tensioni in Medio Oriente: Israele lancia un attacco militare contro l’Iran


Commenti