Oms: contagio Covid-19 da animale, no da fuga laboratorio

Oms: contagio Covid-19 da animale, no da fuga laboratorio
30 marzo 2021

La trasmissione del coronavirus all’uomo ha avuto luogo, con ogni probabilità, attraverso un animale – non meglio identificato – che ha fatto da veicolo di contagio tra i pipistrelli e gli esseri umani. È quanto emerge dallo studio redatto dall’Organizzazione mondiale della Sanità e da esperti cinesi, anticipato da alcuni organi di stampa, i cui risultati saranno illustrati ufficialmente oggi. L’ipotesi di una fuga del virus da un laboratorio è considerata invece “estremamente improbabile”, mentre possibile ma non probabile è ancora considerata la trasmissione da alimenti congelati o refrigerati. I risultati dello studio erano in gran parte previsti, ma hanno lasciato molte domande senza risposta, a cominciare dal tipo di animale che avrebbe veicolato il virus tra i pipistrelli e l’uomo. “Sebbene i virus correlati più vicini (al Covid) siano stati trovati nei pipistrelli, la distanza evolutiva tra questi virus dei pipistrelli e SARS-CoV-2 è stimata in diversi decenni, suggerendo un collegamento mancante”, si legge nel rapporto. “Il possibile ospite intermedio di SARS-CoV-2 rimane sfuggente”, si aggiunge.

Così il team di ricercatori impegnati nello studio ha proposto ulteriori approfondimenti in ogni area tranne – appunto – per l’ipotesi di fuga di laboratorio, che sostanzialmente esclusa. “Non ci sono registrazioni di virus strettamente correlati a SARS-CoV-2 in alcun laboratorio prima di dicembre 2019, o di genomi che in combinazione potrebbero fornire un genoma di SARS-CoV-2”, si legge in una bozza del rapporto ottenuta dalla Cnn. “Alla luce di quanto sopra, un’origine di laboratorio della pandemia è stata considerata estremamente improbabile”. Anche il cibo congelato non è una fonte probabile. “Non ci sono prove conclusive per la trasmissione alimentare di SARS-CoV-2”, si legge. E poco chiaro resta il ruolo del mercato ittico Huanan a Wuhan. È possibile che il mercato non sia stato la fonte originale dell’epidemia, ma che la folla che si è riunita al mercato – che era densamente affollato – potrebbe aver amplificato la diffusione del virus. Il campionamento al mercato ha rilevato il virus sulle superfici ma non nei campioni prelevati da animali o alimenti venduti al mercato. Inoltre, ci sono prove che il virus circolasse prima della sua diffusione al mercato di Huanan anche in altri mercati.

“Molti dei primi casi erano associati al mercato Huanan, ma un numero simile di casi era associato ad altri mercati e alcuni non erano associati ad alcun mercato”. Questo “potrebbe suggerire che il mercato di Huanan non fosse la fonte originale dell’epidemia”, si aggiunge nel rapporto. “Non è quindi possibile trarre una conclusione definitiva sul ruolo del mercato Huanan nell’origine dell’epidemia o su come l’infezione sia stata introdotta nel mercato”, conclude il rapporto. Lo studio, quindi, raccomanda più test su campioni di sangue prelevati e conservati prima del primo focolaio di dicembre, più test su animali del sud-est asiatico e uno studio più approfondito delle riunioni di massa che avrebbero potuto aiutare la diffusione del virus. Animali come visoni e conigli sono suscettibili al virus, osserva il rapporto. Gli allevamenti di visoni in diversi paesi sono stati la causa dei focolai di Covid-19. “Il numero crescente di animali che si è dimostrato suscettibile alla SARS-CoV-2 include animali allevati a densità sufficienti per consentire il potenziale di circolazione enzootica”, hanno evidenziato gli esperti, ricordando che “l’allevamento ad alta densità è comune in molti luoghi in tutto il mondo e comprende anche molte specie di bestiame come fauna selvatica d’allevamento”.

Leggi anche:
Coronavirus, continuano a crescere vittime e ricoveri. Sale anche tasso positività

Il rapporto è stato scritto da un team internazionale congiunto composto da 17 esperti cinesi e 17 esperti di altri paesi, l’Oms, il Global Outbreak Alert and Response Network (GOARN) e l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE). L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha partecipato in qualità di osservatore. “Dopo le prime riunioni online, è stato condotto uno studio congiunto per un periodo di 28 giorni dal 14 gennaio al 10 febbraio 2021 nella città di Wuhan, nella Repubblica popolare cinese”, si legge nel rapporto. Il team di ricercatori ha cercato prove che il virus stesse circolando in Cina prima che qualcuno se ne accorgesse. “Il gruppo di lavoro sull’epidemiologia ha esaminato attentamente le possibilità di identificare casi precedenti di Covid-19 attraverso studi sulla morbilità (malattia) dovuta a malattie respiratorie a Wuhan e dintorni alla fine del 2019”, si legge. Lo studio ha anche attinto a dati di sorveglianza nazionale, a conferme di laboratorio sulla malattia, a rapporti sugli acquisti di farmaci antipiretici, su raffreddore e tosse, a campioni conservati dalla seconda metà del 2019 in vari ospedali a Wuhan, nel resto della provincia di Hubei e in altre province. “In nessuno di questi studi è emersa evidenza di un impatto dell’agente eziologico del Covid-19 sulla morbilità nei mesi precedenti lo scoppio del Covid-19”, si precisa. askanews

Leggi anche:
Coronavirus, Figliuolo: vaccinato 60% della popolazione
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti