In Ucraina, arrivano missili da Danimarca e semoventi da Usa

In Ucraina, arrivano missili da Danimarca e semoventi da Usa
Obice semovente americano
28 maggio 2022

L’Ucraina ha iniziato a ricevere missili anti-nave Harpoon dalla Danimarca e obici semoventi dagli Stati Uniti. Lo ha affermato il ministro della Difesa di Kiev, Oleksiy Reznikov. “La difesa costiera del nostro Paese non sarà solo rafforzata dai missili Harpoon, ma sarà utilizzata da squadre ucraine addestrate”, ha scritto Reznikov sulla sua pagina Facebook. Ha indicato che i missili terra-nave Harpoon sarebbero stati utilizzati insieme ai missili ucraini Nettuno nella difesa delle coste del Paese, compreso il porto meridionale di Odessa. Reznikov ha affermato che le forniture di missili Harpoon sono il risultato della cooperazione tra diversi Paesi, affermando che le forniture dalla Danimarca sono avvenute “con la partecipazione dei nostri amici britannici”. L’Ucraina ha anche ricevuto una serie di pezzi di artiglieria pesante, ha aggiunto, compresi gli obici semoventi modificati M109 di fabbricazione statunitense che consentiranno all’esercito ucraino di colpire obiettivi da distanze maggiori.

Uno scenario, che secondo il Cremlino, ha portato il presidente russo Vladimir Putin a informare il suo omologo francese, Emmanuel Macron, e il cancelliere tedesco Olaf Scholz dei pericoli che la continua fornitura di armi occidentali all’Ucraina rappresenta per la sicurezza internazionale, avvertendo i due leader di una possibile destabilizzazione. “Il presidente russo ha prestato particolare attenzione alla natura pericolosa del continuo rifornimento di armi occidentali in Ucraina, avvertendo, a questo proposito, dei rischi di un’ulteriore destabilizzazione della situazione e dell’aggravarsi della crisi umanitaria”, ha affermato il Cremlino. Intanto, secondo l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, la Russia auspica che gli Stati Uniti siano guidati dal buon senso quando decideranno sulle forniture di missili a lungo raggio all’Ucraina. 

Leggi anche:
Arkansas, sparatoria in uno store: due morti e otto feriti

La Cnn ha riferito due giorni fa, citando diversi funzionari statunitensi, che Washington potrebbe includere sistemi avanzati di armi missilistiche a lungo raggio in un nuovo pacchetto di assistenza militare statunitense per l’Ucraina, che potrebbe essere annunciato la prossima settimana. L’Ucraina ha chiesto agli Stati Uniti di fornire il Multiple Launch Rocket System (Mlrs) e l’High Mobility Artillery Rocket System (Himars), ha sostenuto l’emittente. Allo stesso tempo, il portavoce del Pentagono John Kirby ha dichiarato che gli Stati Uniti non avevano preso la decisione finale sulla fornitura di Mlrs all’Ucraina. “Attualmente partiamo dalla dichiarazione del portavoce del Pentagono John Kirby, che ha affermato che la decisione finale su questo tema non è stata presa. Speriamo che prevalga il buon senso e Washington non faccia un passo così provocatorio”, ha dichiarato Antonov, citato dall’ambasciata russa su Telegram.

L’ambasciatore ha osservato che Mosca ha ripetutamente avvertito Washington attraverso i canali diplomatici che la fornitura di più armi in Ucraina aumenta significativamente i rischi di un’escalation. “Gli americani sono ben consapevoli che le loro azioni allontanano ulteriormente le prospettive di pace. Gli Stati Uniti sono trascinati sempre più a fondo nella crisi in Ucraina. Questo ha conseguenze imprevedibili per la sicurezza globale”, ha affermato Antonov. Se tali armi fossero fornite, il timore del diplomatico, potrebbero essere dispiegate in prossimità dei confini, consentendo alle forze ucraine di colpire le città russe. Antonov ha osservato che la Russia non tollererà questa situazione e prenderà le misure necessarie per “eliminare le capacità” delle forze ucraine. Il diplomatico ha invitato Washington e Kiev a “fare i conti con la realtà” e ad avviarsi verso una risoluzione politica della crisi.

Leggi anche:
Dramma nel Mantovano: operaio muore incastrato in un macchinario
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti