In Italia il digitale mercato in crescita

In Italia il digitale mercato in crescita
24 luglio 2017

Il mercato del digitale italiano e’ cresciuto dell’1,8% nel 2016, a 66,1 miliardi di euro. Sono i risultati del rapporto Assinform “Il Digitale in Italia”. Segno piu’ per tutti i comparti, con in evidenza un +7,2% per contenuti e pubblicita’ digitale e un +4,8% per software e soluzioni Ict. Nel primo trimestre 2017, il progresso e’ stato pari al 2,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per la fine dell’anno, si stima una crescita del 2,3%, per arrivare a 67,6 miliardi. L’Osservatorio si attende un andamento simile almeno fino al 2019: il triennio dovrebbe registrare un progresso medio annuo del 2,6%: +2,6% nel 2018 (a 69,4 miliardi) e +2,9% nel 2019 (a 71,4 miliardi). I dati indicano che alla crescita 2016 hanno concorso un po’ tutti i comparti, tranne i Servizi di Rete di telecomunicazioni: Servizi ICT a 10.631,6 milioni di euro (+2,5%), Software e Soluzioni ICT a 6.259 milioni di euro (+4,8%), Dispositivi e Sistemi a 17.230 milioni di euro (+1,4%), Contenuti Digitali e Digital Advertising a 9.622 milioni di euro (+7,2%). Il mercato dei Dispositivi ha comunque dato segno di tenuta, grazie alle componenti infrastrutturali e agli smartphone (16,7 milioni di unita’, +8%), che sono nelle mani del 65% degli italiani e che hanno alimentato la ripresa dei servizi di rete mobile. La componente PC e’ calata in unita’ del 3,7% (dato risultante dal -8,8% dei desktop e dal -2,4% dei notebook), ma e’ rimasta relativamente stabile in valore per effetto dell’introduzione di nuovi modelli. E’ invece continuato il calo dei tablet (-7,1% in unita’).

Leggi anche:
Carburanti, Consiglio di Stato boccia cartelloni dei prezzi medi

Il comparto Software e Soluzioni ICT, gia’ in ripresa da due anni ha mostrato nell’insieme ancora piu’ vivacita’, raggiungendo 6.259 milioni di euro (+4,8%). Anche qui e’ evidente il segno della trasformazione in corso. E’ infatti cresciuto bene il software applicativo (4.498 milioni di euro, +6,5%) ancora sull’onda delle componenti piu’ innovative quali piattaforme per la gestione web, IoT. Ha frenato il software di sistema (-0,3% a 546 milioni di euro) mentre il middleware (1.215 milioni di euro, +1,2%) ha rallentato la crescita, non per carenza di domanda, ma perche’ una quota crescente di essa tende ad essere soddisfatta in modalita’ Cloud e di Outsourcing infrastrutturale. Bene anche i Servizi ICT, secondi solo ai servizi di rete per peso sul mercato digitale complessivo. La crescita rilevata, del 2,5% a 10.631,6 milioni di euro, mostra un’accelerazione rispetto allo scorso anno (+1,5%), e rivela tutta la consistenza dei nuovi e piu’ evoluti trend di spesa. Il comparto e’ infatti trainato dai servizi di Data Center e Cloud Computing, che nell’insieme crescono del 16,1% a 2.264,7 milioni di euro, con la componente Cloud in crescita del 23%. Questi compensano largamente le performance negative dei servizi di Outsourcing (-1,3% a 3.689 milioni di euro), Formazione (-1% a 322 milioni di euro) e Assistenza Tecnica (-1% a 718 milioni di euro), pur con cali ridotti rispetto agli anni scorsi. Significativo, per quanto attiene l’evoluzione ai nuovi modelli dell’ICT e’ anche il ritorno alla crescita dei Servizi di Consulenza (+0,5% a 785 milioni di euro) e di Sviluppo Applicativo e Systems Integration (+0,1% a 2.853 milioni di euro). Esso appare infatti correlato proprio al progresso del Cloud e degli altri Digital Enabler e all’innesco di un processo di ammodernamento di applicazioni e infrastrutture funzionale all’accelerazione dei nuovi modelli di fruizione dell’ICT.

Leggi anche:
Sciopero venerdì 23 febbraio: coinvolti trasporti, scuole, uffici pubblici e fabbriche

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti