Italiana tra i morti a Beirut. L’esplosione in sala parto, George nasce sano e salvo

7 agosto 2020

C’è anche una donna italiana tra le vittime delle tremende esplosioni che il 4 agosto 2020 hanno devastato il porto di Beirut, in Libano. Lo ha confermato la Farnesina, si tratta di Maria Pia Livadiotti, 92enne nata in Libano. Una decina di italiani anche tra i feriti, compresi alcuni militari della missione Unifil. Nella notte tra il 6 e il 7 agosto ci sono state proteste e scontri a Beirut accomagnati da manifestazioni di solidarietà in diverse città del mondo, questa è New York, contro il governo libanese ritenuto colpevole delle devastanti esplosioni che hanno distrutto il porto della città, causando oltre 150 morti, 5mila feriti e 300mila sfollati.

Da tutto il mondo c’è una corsa agli aiuti per il popolo libanese. L’Italia ha inviato due C-130 dell’Aeronautica militare con personale specializzato, mezzi e 8 tonnellate di aiuti umanitari e presidi sanitari, come ha ricordato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Daremo tutto il nostro supporto – ha detto – al governo libanese e al popolo libanese che stava già vivendo un momento difficile dal punto di vista politico ed economico”. Intanto proseguono le indagini sulle esplosioni causate da 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinate in modo non sicuro; 16 persone sono state arrestate, tra cui il direttore del porto di Beirut.

Leggi anche:
Coronavirus, anche in Cina test rapidi con risultato in 30 minuti

C’è anche una storia a lieto fine. Edmond Khnaisser stava entrando in sala parto con la moglie Emmanuelle, per assistere alla nascita del figlio; voleva immortalare quel momento unico per un padre e si è ritrovato a documentare con la sua telecamera anche il drammatico momento delle esplosioni nel porto di Beirut che hanno fatto oltre 150 morti e 5.000 feriti. Sono scoppiate le finestre dell’ospedale St Georges e della sala in cui stava nascendo il piccolo George che, fortunatamente, è venuto alla luce sano e salvo, senza complicazioni. La madre e il personale medico sono riusciti a restare calmi nonostante i detriti e i vetri che avevano addosso e intorno a loro. Un piccolo segnale di luce e speranza nella tragedia che ha colpito il Libano. Intanto, il bilancio è sempre più drammatico. Sono almeno 154 le persone rimaste uccise nelle devastanti esplosioni del 4 agosto scorso al porto di Beirut, in Libano. Lo ha detto oggi il ministro della Salute, Hamad Hassan, citato dai media libanesi.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti