La Louisiana resta ai democratici, schiaffo a Trump. Nuovo colpo per la Casa Bianca

La Louisiana resta ai democratici, schiaffo a Trump. Nuovo colpo per la Casa Bianca
Donald Trump
17 novembre 2019

Dopo la sconfitta in Kentucky, un altro smacco per il presidente americano Donald Trump e’ arrivato dalla Louisiana dove il governatore democratico uscente, John Bel Edwards, e’ stato rieletto battendo al ballottaggio il repubblicano Eddie Rispone. Un nuovo colpo per l’inquilino della Casa Bianca, al termine di una settimana nera dopo l’avvio alla Camera delle prime testimonianze nell’ambito dell’inchiesta formale per l’impeachment promossa dai Democratici in merito all’Ucrainagate. Quello in Louisiana e’ stato un altro test elettorale per misurare proprio l’effetto dell’inchiesta di impeachment sugli americani, alla luce delle prime audizioni. I sondaggi delle ultime settimane indicavano un testa a testa tra i due sfidanti, Edwards e Risponde, dopo che nessuno dei due aveva ottenuto la maggioranza assoluta dei voti al primo turno il mese scorso. Trump si era molto impegnato a sostegno del candidato repubblicano, un imprenditore italoamericano, tanto che a seggi ancora aperti aveva twittato per invitare gli elettori ad andare a votare: “Louisiana, mancano tre ore, correte a votare per Eddie Rispone governatore. Abbassamento della tasse e molto altro”, aveva scritto.

Alle presidenziali nel 2016, Trump aveva staccato di venti punti Hillary Clinton, e negli ultimi giorni si era speso con vigore per Rispone andando due volte a fare comizi. Ancora qualche ora prima del voto il presidente americano aveva, tra l’altro, sottolineato che un voto per il candidato repubblicano avrebbe giovato alla causa del secondo emendamento, quello che stabilisce il diritto a portare armi. La Louisiana e’ uno stato del profondo sud dove storicamente la questione razziale ha polarizzato il voto: i bianchi sono in prevalenza repubblicani, i neri in maggioranza democratici. Il governatore democratico uscente e’ riuscito conquistare una buona parte dei consensi dei bianchi, in gran parte trumpiani. Al primo turno il voto, disaggregato, aveva fornito indicazioni contrastanti: il democratico aveva ottenuto il 47%, lo sfidante il 27, mentre il terzo, rimasto escluso, un altro repubblicano, Ralph AbrahamRalph Abraham, si era fermato a 24; quindi i conservatori avevano conquistato la maggioranza dei seggi con il 52%. Al ballottaggio, uno dei fattori chiave e’ stata una maggiore affluenza dell’elettorato nero che ha premiato di Dem.

Leggi anche:
In 12 mila in Piazza Maggiore per sostenere Stefano Bonaccini
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti