La Nato stoppa Zelensky: “Non accetteremo mai annessione della Crimea alla Russia”

La Nato stoppa Zelensky: “Non accetteremo mai annessione della Crimea alla Russia”
Jens Stoltenberg
8 maggio 2022

La Nato boccia sul nascere lo spiraglio di luce verso un dialogo Ucrania-Russia acceso dal presidente ucraino Volodomyr Zelensky. “I membri della Nato non accetteranno mai l’annessione illegale della Crimea – afferma il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg -. Ci siamo sempre opposti al controllo russo su parti del Donbass nell’Ucraina orientale”.

In altri termini, per la Nato ancora non è tempo per la una tregua. La Nato, dal canto suo, è convinta che la guerra della Russia contro l’Ucraina “non finirà presto” e che l’Alleanza è determinata ad aiutare l’Ucraina “anche se ci vorranno mesi o anni” per battere Putin. E rimarca la volontà di “fare tutto il possibile” perché il conflitto non si espanda. Stoltenberg sottolinea che “l’Ucraina deve vincere questa guerra perché difende il suo territorio. I membri della Nato non accetteranno mai l’annessione illegale della Crimea. Ci siamo inoltre sempre opposti al controllo russo su parti del Donbass nell’Ucraina orientale”.

Nei prossimi giorni, secondo Stoltenberg, “ci possiamo aspettare e dobbiamo prepararci all’offensiva russa anche con più brutalità” e a “distruzioni anche maggiori di infrastrutture cruciali e aree residenziali”. Stoltenberg ritiene che l’offensiva russa nell’Ucraina orientale non si sia ancora dispiegata per la resistenza di Kiev: “Assistiamo a uno stridente contrasto tra le forze russe e ucraine: le truppe ucraine sono coraggiose e sanno per cosa stanno combattendo. Le truppe russe soffrono di una carenza di guida, di morale basso e molti neanche sanno per cosa si stanno battendo”.

Leggi anche:
Paolo Berlusconi: famiglia vicina a FI ma nessuno scende in campo

La Nato comunque, sottolinea Stoltenberg, “non è parte belligerante” ma sta aumentando la concentrazione di truppe ed equipaggiamenti sul fianco orientale per proteggere i suoi membri e la Germania gioca un ruolo principale in questo quadro. Circa le minacce nucleari di Mosca, Stoltenberg nota: “Ascoltiamo la retorica della minaccia nucleare da parte della leadership russa. Ciò è irresponsabile e avventato. La guerra nucleare non può essere vinta e non dovrebbe essere mai combattuta, neppure in Russia”. Ad ogni modo la Nato non vede dall’inizio delle ostilità, il 24 febbraio scorso, indicazioni di un innalzamento di livello nella preparazione dell’arsenale nucleare russo.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti