“La Roma dei Re”, la mostra che racconta la nascita della città

26 luglio 2018

Dalla Roma di terracotta alle capanne. Nel cuore della Capitale, nelle sale espositive di Palazzo Caffarelli e nell’Area del Tempio di Giove dei Musei Capitolini, la mostra “La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia”, visitabile dal 27 luglio al 27 gennaio 2019, racconta, con un percorso a ritroso, la nascita della città. Si parte dal VI secolo a.C. e si arriva al X secolo a.C., attraverso diverse sezioni.

Il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali ad interim Claudio Parisi Presicce: “La mostra è la prima di una serie, si espone per la prima volta, con più di 800 oggetti, materiali mai visti e che sono il frutto di lungo lavoro di restauro e recupero insieme a materiali scoperti di recente in due aree della città: una sacra con abitazioni ai piedi del Palatino e i nuovi scavi eseguiti presso il santuario di Sant’Omobono”.

Leggi anche:
Se il gatto è aggressivo forse la colpa è del proprietario

E’ proprio questa una delle sezioni più interessanti. In cui si offre una nuova lettura delle lastre e dei gruppi figurati per l’area sacra di Sant’Omobono, nel Foro Boario. “Quindi i santuari e il rapporto con le divinità, i resti conservati delle abitazioni e come organizzavano la vita nelle proprie residenze”, “abbiamo un plastico a metà della mostra che illustra come occupavano il territorio della città nel periodo finale dell’epoca regia”. Si prosegue con la sezione dedicata ai commerci e ai rapporti dei romani con le altre civiltà, in particolare quella greca con materiali preziosi, provenienti soprattutto dalla necropoli dell’Esquilino, che testimoniano le relazioni di Roma con l’esterno e il gusto dell’epoca.

Infine una sezione con corredi funerari che illustrano il ruolo di uomini e donne. La curatrice Isabella Damiani: “Uno dei pezzi più particolari è una sepoltura di capo di cui abbiamo ricostruito lo scudo, un carro e l’elmo, un aristocratico importante della metà dell’VIII a.C.”. Chiude la mostra una sezione didattica in cui i visitatori possono toccare e prendere in mano copie dei principali vasi e oggetti. “La Roma dei Re” è gratuita per i possessori della Mic, la nuova card che con 5 euro per 12 mesi permette l ingresso illimitato in tutti i Musei Civici ai residenti, domiciliati temporanei e agli studenti delle università romane.

Leggi anche:
"Non odiare" di Mauro Mancini con Gassmann esce il 10 settembre

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti