La triste scomparsa di Indi Gregory: Storia di lotta, dolore e dignità negata

La triste scomparsa di Indi Gregory: Storia di lotta, dolore e dignità negata
Indi Gregory
13 novembre 2023

Indi Gregory, la neonata di otto mesi al centro di una lunga e delicata battaglia legale e sanitaria, ha lasciato questo mondo nella notte, alle 1.45 ora inglese. La notizia è stata confermata dall’avvocato Simone Pillon e da Iacopo Coghe di Pro Vita, membri del team legale della famiglia Gregory. La piccola Indi, a cui erano stati staccati i supporti vitali, ha chiuso gli occhi in un momento toccante e carico di emozioni. Il padre, Dean Gregory, ha espresso il suo profondo dolore e rabbia in un messaggio ai suoi avvocati, dichiarando: “La vita di Indi è finita all’01:45, io e Claire siamo arrabbiati, con il cuore spezzato, pieni di vergogna”. Ha criticato aspramente il sistema sanitario nazionale e i tribunali, sottolineando la privazione non solo della possibilità di vivere per Indi ma anche della dignità di morire nella sua casa di famiglia.

Dean ha condiviso i dolorosi dettagli degli ultimi istanti di Indi accanto alla madre Claire, ribadendo il tentativo di preservare la dignità della figlia. Ha lamentato il fatto che le istituzioni abbiano “preso il corpo e la dignità di Indi” ma ha sottolineato che la sua anima rimarrà indistruttibile. Nel messaggio, ha ricordato con amore il giorno della nascita di Indi, dichiarando che sapeva che la sua figlia era speciale fin da quel momento. La notizia della tragica fine di Indi ha suscitato reazioni da parte di esponenti del governo. A partire dalla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, che ha dichiarato: “La piccola Indi Gregory non c’è più, una notizia che non avremmo mai voluto leggere. Il governo italiano ha fatto il massimo, offrendosi di curarla nel nostro Paese, purtroppo senza successo. Una commossa preghiera per lei e un sincero abbraccio ai suoi genitori”.

Leggi anche:
Italia e Ucraina, Zelensky: siglato l'accordo di sicurezza con Meloni

Anche il leader della Lega, il ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, ha espresso il suo cordoglio, sottolineando gli sforzi del governo italiano nel tentativo di fornire cure a Indi nel paese, ma senza successo. Le parole commoventi di Dean Gregory continuano a suscitare riflessioni, come ha dichiarato Alessandra Locatelli, ministro per le Disabilità, che ha scritto su Facebook: “La piccola Indi ora è in cielo… Un dolore lancinante al cuore. Un dolore incolmabile e soffocante per i genitori e per chi le ha voluto bene”. Il ministro ha sottolineato la disperazione dei genitori nel non essere riusciti a starle accanto fino alla fine e ha espresso la speranza che la piccola Indi sia ricordata con amore. “La storia di Indi Gregory rimarrà indelebile, un triste ricordo di una battaglia persa, ma anche un grido per la dignità e il rispetto della vita in tutte le sue forme. Arrivederci, Indi. Ti vogliamo bene”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti