Lampedusa si candida ai Mondiali di vela. Malagò, “speriamo di farcela”

Lampedusa si candida ai Mondiali di vela. Malagò, “speriamo di farcela”
1 novembre 2014

Lampedusa punta a ospitare i Mondiali giovanili di vela del 2018. “Ho accolto con entusiasmo la candidatura di Lampedusa, sono onorato di poterci mettere la faccia -ha affermato il presidente del Coni, Giovanni Malagò -. Ne ho parlato con il presidente della Fiv, Carlo Croce, che è anche il presidente dell’Isaf, la federazione internazionale e quindi non può fare il tifo con il mio stesso entusiasmo e speriamo di farcela. Ci sono avversari forti, come tra gli altri Shanghai e Baku – continua il numero uno dello sport italiano – ma nessuna può competere in bellezza con Lampedusa, un luogo simbolo per il Mondo”.

L’assegnazione dei mondiali giovanili verrà presa a Palma di Maiorca nel corso del congresso Isaf che comincia il prossimo fine settimana. Punti di forza per Lampedusa, la bellezza del suo mare, le condizioni di regata con un vento che nel mese di luglio, quando si svolgerà la rassegna iridata, soffia intorno ai 10 nodi e la vicinanza tra gli alloggi e il campo di gara.

“Io ho cominciato a capire che il sogno poteva diventare realtà quando Malagò ha detto di credere nella candidatura – ha dichiarato invece il sindaco Nicolini-. Lampedusa è un luogo unico, situato tra due continenti, ha un aspetto africano nei colori e nel clima ma allo stesso tempo è straordinariamente mediterranea, europea e italiana. Vogliamo rovesciare l’immagine che è stata data e per noi questa è la sfida più grande”. In altri ternimi, “non vogliamo essere più la fine dell’Europa, ma esserne l’inizio e questo mondiale può essere uno strumento importante”.

Leggi anche:
Calcio, Luis Alberto annuncia: a fine stagione lascio la Lazio
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti