Ursula von der Leyen in Ucraina per la Festa dell’Europa. Ma continua la pioggia di missili

9 maggio 2023

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è tornata in Ucraina per celebrare la Festa dell’Europa. Una visita ufficiale dall’alto valore simbolico, che cade nel giorno in cui a Mosca va in scena la Parata della Vittoria, con cui ogni anno si celebra la sconfitta dei nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Von der Leyen ha viaggiato in treno di notte dalla Polonia fino a Kiev per vedere il presidente ucraino Zelensky. “Bello essere di nuovo a Kiev – ha detto la presidente – dove i valori che ci stanno a cuore vengono difesi ogni giorno. Quindi è un posto così adatto per celebrare il giorno dell’Europa”.

“Stiamo continuando ad aumentare la pressione sulla Russia. È uno dei punti su cui informerò il presidente Zelensky – ha aggiunto von der Leyen-. L’attenzione è ora rivolta alla rigorosa attuazione delle sanzioni e all’adozione di misure contro l’elusione”. La presidente della Commissione europea ha anche ribadito che “siamo determinati a chiudere le scappatoie esistenti, nessuno ne dubiti”, precisando che “la mia presenza a Kiev il 9 maggio è simbolica, ma è anche il segno di un dato cruciale e molto concreta: l’Ue lavora fianco a fianco con l’Ucraina su molte questioni”.

Intanto, sul fronte bellico, le difese aeree dell’Ucraina hanno abbattuto 15 missili da crociera russi che sono stati lanciati durante la notte contro la capitale, Kiev. Non sono state segnalate vittime nell’attacco, ha detto Serhiy Popko, un alto funzionario militare di Kiev. Secondo le autorità locali, i missili sarebbero stati lanciati da quattro bombardieri che hanno sorvolato la regione del Mar Caspio. Alcuni detriti sono caduti su una casa nel distretto di Holosiivskyi, nel sud-ovest di Kiev, ha detto il sindaco Vitaly Klitschko sul suo canale di messaggistica Telegram, aggiungendo che non ci sono state vittime o danni gravi. Le forze armate ucraine, inoltre, hanno appena dichiarato nel loro aggiornamento che 25 missili sono stati lanciati dalla Russia attraverso l’Ucraina durante la notte, di cui 23 sono stati abbattuti.

Leggi anche:
Torna il disaster movie: premiere a Los Angeles per il sequel di "Twister"

Vladimir Putin, dal canto suo, nel suo discorso alla parata militare sulla Piazza Rossa in occasione del 78esimo anniversario della vittoria sovietica nella Seconda guerra mondiale, ha affermato che l’Ucraina è finita “ostaggio di un colpo di Stato” e “moneta di scambio in mano all’Occidente”. I Paesi occidentali “vogliono distruggere qualsiasi centro di sviluppo sovrano”, ha detto Putin, citando “tutta una serie di Paesi”. Inoltre, il presidente russo ha sostenuto che “il loro obiettivo, e qui non c’è nulla di nuovo, è ottenere il collasso e la distruzione del nostro Paese, cancellare i risultati della Seconda guerra mondiale, infrangere definitivamente il sistema di sicurezza globale e il diritto internazionale e soffocare qualsiasi centro sovrano di sviluppo”. L’Occidente, ha accusato Putin, perseguendo il mantenimento di una egemonia, “scatena sanguinosi conflitti, sparge i semi della russofobia” e vuole “dettare le sue regole a tutte le nazioni”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti