Lavoratori Asu per servizi nei musei

14 maggio 2014

“Abbiamo trasferito 336 Asu nei musei e nei beni archeologici perche’ stavano a casa a prendere lo stipendio senza lavorare. In questo modo potremo tenere aperti i musei anche d’estate e nei festivi”. Lo ha detto il governatore della Regione Siciliana, Rosario Crocetta. “Questo e’ solo l’inizio – ha aggiunto -. I precari devono lavorare e fare quello per cui sono pagati. Nessuno si e’ mai posto, per un decennio, il problema che potessero svolgere un’attivita’ utile. E molta gente  – ah proseguito Crocetta – prendeva 670 euro per non fare nulla. Cercheremo tutti gli imboscati e metteremo in piedi un piano di utilizzo generale del precariato. E’ la stessa cosa dei Pip, affidati perfino alle parrocchie: chi doveva controllare? Ieri sono stato a Partanna Mondello e ho visto un quartiere pieno di erbacce. Mi sono chiesto: con tutte le risorse come Pip e Gesip com’e’ possibile che cio’ accada? Questo e’ solo un primo stralcio – ha concluso -, faremo altre assegnazioni”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Case più sicure e sostenibili, è operativo il Superbonus 110%


Commenti